Mercato unico: Ue, prodotti Igp valgono 75 miliardi l’anno. 300 i prodotti italiani tutelati

I prodotti agroalimentari e le bevande i cui nomi sono protetti dall’Unione europea come “indicazioni geografiche” (Igp) rappresentano un valore di vendita di quasi 75 miliardi di euro. Oggi uno studio pubblicato dalla Commissione europea mostra come il valore delle vendite di un prodotto Igp è in media il doppio di quello per prodotti simili senza certificazione. Sono attualmente oltre 1.470 i prodotti certificati. Le denominazioni italiane iscritte nel Registro europeo delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite sono poco oltre 300. Nell’elenco europeo oggi è stata aggiunta una nuova specialità protetta: il formaggio ungherese “Győr-Moson-Sopron megyei Csemege sajt”. “Le indicazioni geografiche europee riflettono la ricchezza e la diversità dei prodotti che il nostro settore agricolo ha da offrire”, ha dichiarato Janusz Wojciechowski, commissario per l’agricoltura, e sono “un aspetto chiave dei nostri accordi commerciali: proteggendo i prodotti in tutto il mondo, impediamo l’uso fraudolento dei nomi dei prodotti e preserviamo la buona reputazione dei prodotti agroalimentari europei”. Secondo Wojciechowski “le indicazioni geografiche proteggono il valore locale a livello globale”. Inoltre, i produttori hanno chiari vantaggi perché possono vendere prodotti a un valore più elevato; i consumatori che cercano autentici prodotti regionali sono tutelati.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy