Coronavirus Covid-19: Progetto Arca, saranno raddoppiati i pacchi viveri consegnati a casa alle famiglie in difficoltà

Attualmente le persone in tutta Italia a cui vengono consegnati i pacchi viveri dai volontari di Progetto Arca sono 1.446 ogni mese. L’obiettivo nelle prossime settimane è di raddoppiare, continuando a garantire un pasto completo ed equilibrato al giorno a ogni persona raggiunta. È l’impegno preso da Fondazione Progetto Arca che prevede un nuovo potenziamento delle attività a sostegno delle persone senza dimora e delle famiglie in difficoltà economica per contribuire a far fronte all’emergenza alimentare emersa in questo periodo di allarme sanitario e lockdown totale. “Nelle ultime settimane abbiamo raccolto un numero davvero elevato di segnalazioni e appelli da parte di famiglie, singoli e anziani in difficoltà che ci chiedono aiuto per mangiare”, spiega Alberto Sinigallia, presidente di Progetto Arca. “La paralisi di molti lavori e la fragilità sanitaria di alcuni soggetti, uniti alla mancanza di rete familiare o di vicinato a cui affidarsi anche solo per l’approvvigionamento di spesa, ci hanno imposto di intensificare ancora il nostro modo di intervenire: continuiamo con il sostegno alimentare per le persone che vivono in strada e insieme raddoppiamo i pacchi viveri consegnati a casa dai volontari ai nuclei familiari più fragili. Stiamo passando da 500 a 1.000 famiglie assistite tramite questo servizio”. Al pacco viveri – che contiene pane, olio, pasta, sugo, tonno, biscotti, latte e altri prodotti di prima necessità a lunga conservazione – si aggiunge anche una spesa di alimenti freschi ogni settimana per i più fragili che non possono provvedere al proprio sostentamento e non possono uscire per fare la spesa.
Inoltre, anche grazie alla collaborazione con Associazione Banco Alimentare della Lombardia “Danilo Fossati” onlus, prosegue la distribuzione in strada – a Milano, Roma e Napoli – di sacchetti contenenti alimenti confezionati che garantiscono i 3 pasti quotidiani per la persona che lo riceve. E nelle mense dei Centri di accoglienza è garantito il pasto a colazione, pranzo e cena, nel rispetto anche delle diete speciali per motivi di religione o per problemi sanitari.
Altre iniziative riguardano la consegna a domicilio della spesa online a persone fragili segnalate dal Comune di Milano e Opera, il ritiro e la consegna della “spesa sospesa” lanciata da Conad Centro Nord in sette punti vendita di Milano e la campagna di Progetto Arca #proteggiamoli, a sostegno di famiglie e anziani in difficoltà per l’emergenza alimentare.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy