Coronavirus Covid-19: Ravenna, telefono amico per le famiglie. Rispondono coppie e un sacerdote

Un sostegno telefonico, e spirituale, fatto da famiglie per le famiglie. Questo il servizio messo in campo per l’emergenza sanitaria in corso dall’Ufficio diocesano per la Famiglia della diocesi di Ravenna. Si chiama “Un cuore che ascolta” ed è attivo ufficialmente da questa settimana. L’idea – spiegano gli organizzatori – è offrire un “luogo” e un tempo di ascolto e fraternità a chiunque si trovi in stato di solitudine o difficoltà a causa dell’epidemia da coronavirus e un’opportunità di chiedere un aiuto, un conforto, anche spirituale. “Se vivi nella solitudine, nella paura o nel dolore. Se hai bisogno di essere ascoltato. Se vuoi pregare con qualcuno. Chiama! Risponderanno delle famiglie e un sacerdote”, si legge nella presentazione del servizio che – chiariscono gli organizzatori – non fornisce informazioni o risposte a bisogni concreti come spesa a domicilio o consegna farmaci, servizi già attivati da associazioni, enti, gruppi. Dall’altro capo del telefono, risponderanno alcune famiglie di diverse parrocchie e, in modo diretto, un sacerdote.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy