Arresto Zaky in Egitto: Sassoli (Parlamento Ue) chiede la liberazione immediata. “Sia restituito all’affetto dei suoi cari e ai suoi studi”

(Strasburgo) “Sento il dovere di porre alla vostra attenzione la vicenda di Patrick Zaky, studente egiziano che seguiva un master all’Università di Bologna, arrestato all’aereoporto del Cairo la mattina di venerdì. Secondo Amnesty International il ragazzo è stato interrogato, picchiato e torturato per 17 ore e si trova ancora in stato di fermo”. Durante la sua conferenza stampa sul Quadro finanziario pluriennale, il presidente del Parlamento europeo, David Sassoli, ha chiesto l’immediata liberazione di Patrick Zaky, lo studente egiziano di Bologna detenuto al Cairo. “Voglio ricordare alle autorità egiziane che la Ue condiziona i suoi rapporti con i Paesi terzi al rispetto dei diritti umani e civili, come ribadito da molte risoluzioni approvate dal Parlamento. Chiedo, quindi, che Patrick Zacky venga immediatamente rilasciato e restituito all’affetto dei suoi cari e ai suoi studi”. Sassoli ha specificato di averne “parlato oggi con l’Alto rappresentante Ue per la politica estera Joseph Borrell che mi ha assicurato che solleverà la questione al prossimo Consiglio affari esteri.”

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy