Natale 2020: mons. Savino (Cassano all’Jonio), “andare oltre l’indifferenza e la violenza, per riconoscere l’altro e camminare insieme”

“Viviamo un tempo sospeso, di incertezze e paure, in cui il virus ha palesato le nostre contraddizioni e il nostro limite. Ma non sprechiamo la lezione del Covid, cioè non continuiamo ad affermare la cultura dell’indifferenza, la negazione dell’altro. Per questo la prima parola” da “consegnare è silenzio, un silenzio” che “generi in noi un vero e reale cambiamento del cuore, della ragione, delle relazioni”. Lo ha detto mons. Francesco Savino, vescovo di Cassano all’Jonio, nel consueto video messaggio di auguri per Natale. “L’altra parola, che sta scomparendo dal nostro vocabolario, è gentilezza, perché questa è l’altra faccia della tenerezza”. Mons. Savino ha deprecato “linguaggi e stili di vita violenti” invitando ad andare “oltre l’indifferenza, oltre la violenza, per riconoscere l’altro e con l’altro camminare insieme verso un orizzonte di senso, sapendo che la convivialità delle differenze è il modo più bello di vivere la gentilezza della propria vita”. Rivolgendosi ai giovani e alle famiglie, mons. Savino ha affermato “che sarà un Natale diverso, ma che sia un Natale dove l’essenzialità e la riflessione diventino codice di vita natalizia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy