Natale 2020: mons. Giudice (Nocera Inferiore-Sarno), “in questo tempo sospeso accendiamo un lume alla finestra e doniamo ai poveri”

foto SIR/Marco Calvarese

Un lume alla finestra e un dono per i più piccoli sono i segni che mons. Giuseppe Giudice, vescovo di Nocera Inferiore-Sarno, chiede alla diocesi per le feste di Natale. Nei giorni scorsi aveva indicato di compiere un ideale pellegrinaggio verso le parrocchie per depositare un regalo al Bambino affinché fosse poi distribuito ai bambini bisognosi della comunità.
Nel video messaggio augurale di Natale il vescovo di Nocera Inferiore-Sarno chiede di accendere un lume e porlo dinanzi alle finestre nella notte santa, “perché tutta la diocesi possa risplendere e la Luce vera, che illumina ogni uomo, possa illuminare il cuore di ognuno di noi”. Ricordando il tempo “singolare” che stiamo vivendo, mons. Giudice rivolge un “augurio singolare” per raggiungere tutte le persone virtualmente: “Mi sembra quasi un Natale sospeso, mentre lo stiamo vivendo con molta responsabilità, come Chiesa dando un bell’esempio a molte persone. Quest’anno come vescovo non ho potuto incontrare tante fragilità, non mi è stato possibile andare nelle case dove ci sono gli anziani, i disabili, non ho potuto incontrare gruppi che venivano per gli auguri, giornalisti, non ho potuto celebrare in ospedale” per “ringraziare e salutare i medici e gli infermieri. Non ho potuto visitare le scuole per presentare la lettera pastorale. In questo senso mi sembra un Natale sospeso, un tempo sospeso”. Di qui l’invito a “camminare insieme verso Betlemme dove si rinnova ogni anno il mistero della nascita del Signore”. “Vorrei trovare nella puntualità di Dio che torna la gioia per riscoprire insieme la bellezza del Natale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy