This content is available in English

Malta: complimenti e auguri alla presidente del Parlamento Ue Metsola dai vescovi e dal figlio di Caruana Galizia

Roberta Metsola ritratta con i vescovi maltesi (foto sito Conferenza episcopale Malta)

Malta esulta per l’elezione di Roberta Metsola a presidente del Parlamento europeo. “Congratulazioni e preghiere” assicura l’arcivescovo Charles Scicluna, “Dio ti benedica” scrive in un post rivolto alla neo eletta, che nel suo percorso di formazione ha frequentato il St Aloysius College di Birkirkara, retto dai gesuiti, come ha ricordato padre Antonio Spadaro, il direttore de La Civiltà cattolica. Sul sito della Chiesa cattolica di Malta, una foto della neo presidente, con i tre vescovi maltesi e le congratulazioni: i vescovi di Malta e Gozo auspicano che attraverso il lavoro di Roberta Metsola “il progetto europeo continui a promuovere i valori fondamentali che rispettano la democrazia, lo stato di diritto, la dignità umana, i diritti umani, la libertà e l’uguaglianza di tutti i cittadini europei, in particolare i più vulnerabili”. Anche Andrew Caruana Galizia, uno dei figli della giornalista maltese assassinata nel 2017, l’ha onorata in un post su Twitter, accompagnato alla famosa foto in cui Metsola rifiuta di stringere la mano al premier Joseph Muscat: “Le azioni di Joseph Muscat hanno portato all’assassinio di mia madre e hanno fermato i suoi sogni di un posto al vertice dell’Ue”, scrive Andrew, contrapponendo quelle di Muscat alle azioni di Roberta Metsola che invece “hanno sostenuto la campagna per la giustizia per mia madre e oggi l’hanno resa la più giovane presidente nella storia del Parlamento europeo”. E conclude: “L’integrità conta”. Per il presidente maltese George Vella, l’elezione di Metsola è “un successo molto importante anche per il nostro Paese, che ha dimostrato che, se uniti, la nostra dimensione e geografia non è un ostacolo alla visione e all’impegno”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy