Conferenza sul futuro dell’Europa: “Festival Assisi suono sacro” riparte dall’Ue. Tavola rotonda e concerto

L’edizione 2021 del “Festival Assisi suono sacro” si apre domani, 31 luglio, puntando lo sguardo verso l’Europa: ad aprire la kermesse musicale, dopo la presentazione di rito del programma e lo svelamento del dipinto “Un colpo alle civiltà” di Sofia Gandarias, ci sarà la conferenza “Peace Deal Forum” voluta da Ars Pace, col sostegno dell’Ufficio del Parlamento europeo in Italia, con importanti ospiti come Enrique Baron Crespo (ex presidente del Parlamento europeo), Monica Baldi (già parlamentare europea), Anna Ruedeberg (presidente del nuovo Comitato di Berna della Società Dante Alighieri), Valentina Parasecolo (Ufficio del Parlamento europeo in Italia), Franco Ivan Nucciarelli (Università di Perugia). Sarà un convegno, spiegano gli organizzatori “in cui oltre al programma Next Generation Eu, verrà posta una speciale attenzione al patrimonio culturale, economico, sociale, sanitario, a territorio, ambiente, arte, estetica, musica e pace”. Gli elementi e le proposte che emergeranno dal confronto saranno fatti confluire sulla piattaforma della Conferenza sul futuro dell’Europa. In serata poi, il grande Concerto inaugurale sul palco in piazza della basilica di San Rufino con l’Ensemble Assisi suono sacro ars pace e l’Opera Dance Music. Fra i contributi il video con la personale rielaborazione dell’Inno alla Gioia di Beethoven di Miguel Rios. Il Festival proseguirà con un fitto calendario di eventi fino al 14 agosto.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy