Adozioni internazionali: Griffini (Aibi), “rammarico per mancata conferma di Laera a vicepresidenza Cai, ha ridato fiducia al settore”

“Con grande rammarico accogliamo la notizia che a livello politico non si sia trovata una soluzione per confermare in un successivo mandato l’attuale vicepresidente della Cai-Commissione adozioni internazionali, Laura Laera, che con la sua esperienza e con le sue capacità avrebbe saputo contribuire alla ripresa delle adozioni dopo il disastro del Coronavirus. Ora ci ritroviamo in una situazione assurda, con il rischio di non avere una vicepresidente della Commissione a partire da lunedì prossimo, con coppie adottive italiane ancora alle prese con i disagi creati dalla pandemia”. Lo dichiara il presidente di Aibi- Amici dei Bambini, Marco Griffini, commentando la notizia della fine del mandato di Laera, che ha indetto, per domani, venerdì 5 giugno, alle 12, un incontro con i rappresentanti degli enti autorizzati all’adozione internazionale per congedarsi ufficialmente.
“Dobbiamo ringraziare Laera – afferma Griffini – per l’ottimo lavoro svolto, specialmente in un periodo così difficile per la adozione internazionale”, sapendo “ridare fiducia all’intero settore, alle famiglie adottive” e riprendendo “i contatti diplomatici con le autorità centrali dei Paesi stranieri, da troppi anni dimenticati”.
Un’ulteriore riflessione Griffini la dedica al lavoro svolto durante l’emergenza sanitaria per il Covid-19, ancora in corso: “Laera ha mostrato tutta la propria dedizione e caparbietà quando, anche in chiusura di mandato, ha dato la propria piena disponibilità a collaborare con gli enti e le autorità estere per risolvere il problema delle coppie bloccate nei Paesi in cui si erano recate per adottare i propri figli. Anche in questo caso i risultati sono stati positivi. La sua è una figura che ci mancherà e mancherà a tutto il mondo dell’adozione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy