Ucraina: Milano, i ragazzi autistici di PizzAut inventano la “Pizza NoWar” e destinano il guadagno ad un centro per ragazzi disabili sotto le bombe

foto SIR/Marco Calvarese

“Da PizzAut succedono cose stravaganti”, dichiara Nico Acampora, educatore e fondatore di PizzAut, progetto di Milano con laboratorio di inclusione sociale che prevede la gestione di una pizzeria da parte di ragazzi con autismo formati nelle diverse mansioni. “Siccome le persone autistiche sono anche molto sensibili a cosa gli succede intorno, uno dei miei pizzaioli mi ha detto: ‘Nico, facciamo una pizza per l’Ucraina’. E quindi insieme alla colomba di Pasqua, quest’anno facciamo la ‘Pizza NoWar’, grazie alla quale stiamo raccogliendo 5 euro per ogni pizza, da donare alle popolazioni in Ucraina che sono sotto i bombardamenti”, prosegue il fondatore di PizzAut presentando l’ultima novità del progetto che si affianca a quella della colomba di Pasqua, che serve per finanziare l’apertura del secondo ristorante a Monza grazie al quale si potrà dare lavoro ad altri 25 ragazzi autistici. La raccolta fondi derivante dalle pizze NoWar sarà in particolare destinata ad un centro per ragazzi disabili in Ucraina, perché come sottolinea Nico Acampora, “se le persone disabili troppo spesso sono dimenticate in tempo di pace, figuratevi cosa succede in tempo di guerra”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy