A sua immagine: nella puntata di oggi il coraggio di Giorgia e “Le Ragioni della speranza” con don Banzato e Cristicchi. Domani l’impegno della Chiesa nei luoghi difficili

Giorgia è riuscita a combattere contro un nemico invisibile e a trovare il senso della sua vita, sconfiggendo quel “mostro” che per anni la costringeva ad abbuffarsi di cibo. Giorgia, una volta malata di bulimia nervosa, si racconta a Lorena Bianchetti, oggi, dalle 16.05, ad A Sua immagine, su Rai Uno, in un viaggio percorso tra sofferenze e voglia di guarire. Una meta agognata che, tuttavia, è riuscita a raggiungere dopo tante vicissitudini che ha voluto anche imprimere su carta in un libro che già dal titolo sintetizza la sua storia: “Nata due volte”. La donna, ora, nella sua seconda – giovane – vita, si dedica a chi attraversa quel tunnel dei disturbi del comportamento alimentare mettendo a disposizione conoscenze e competenze, quelle acquisite sul campo e quelle che sta maturando con gli studi in Scienze dell’Alimentazione.
Nuovo ciclo di puntate de “Le Ragioni della Speranza”, con don Davide Banzato della comunità Nuovi Orizzonti che insieme ai ragazzi che frequentano il laboratorio “Ciak si gira!” incontrerà alcuni protagonisti dello spettacolo e della cultura italiana. Protagonista di questa puntata Simone Cristicchi, artista poliedrico, cantautore, scrittore, regista e attore teatrale che si confronta con il tema della tentazione e in un dialogo aperto con i ragazzi ripercorre alcune tappe fondamentali della sua vita, affrontando con profondità molti temi, come la felicità, il successo, l’attenzione alla diversità, la cura per le persone e il Creato.
Nella puntata di domani, dalle 10.30, il racconto di uomini e donne che hanno scelto il bene e l’impegno della Chiesa nei luoghi in difficoltà. In studio con Lorena Bianchetti, Paolo Beccegato, vicedirettore di Caritas Italiana, e Antonio Silvio Calò, professore liceale di storia e filosofia a Treviso che nel 2015, dopo l’ennesima tragedia che ha visto più di 700 migranti annegare a nord della Libia, ha deciso di aprire le porte e ospitare nella propria casa sei ragazzi profughi. Perché accogliere significa costruire la pace. In collegamento da Leopoli, in Ucraina, don Moreno Cattelan, missionario del don Orione il cui monastero è diventato un centro di accoglienza per la famiglie sfollate. Alle 10.55, dopo il notiziario di “A Sua Immagine” con Paolo Balduzzi, la linea passerà alla Messa, sempre in diretta su Rai Uno: la celebrazione eucaristica verrà trasmessa dalla Chiesa Sant’Alfonso in Marina di Camerota (Salerno). Alle 12, come ogni domenica, l’Angelus recitato da Papa Francesco da Piazza San Pietro.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy