Germania: Papa Francesco accetta le dimissioni dell’arcivescovo di Bamberga, mons. Schick. Mons. Bätzing, “ambasciatore della Dbk nel mondo”

Papa Francesco ha accettato, nella festa di Ognissanti, le dimissioni di mons. Ludwig Schick, arcivescovo di Bamberga. Schick, nato a Marburgo nel 1949, nel 1998 è stato nominato vescovo ausiliare a Fulda e solo quattro anni dopo Papa Giovanni Paolo II lo ha elevato al grado di arcivescovo di Bamberga. Dal 2006 al 2021 è stato presidente della Commissione per la Chiesa mondiale della Conferenza episcopale tedesca (Dbk). Schick è stato membro della Conferenza episcopale tedesca per 24 anni. In una lettera, il presidente della Dbk, mons. Georg Bätzing, ha ringraziato Schick per il lavoro diversificato e a lungo termine per la Chiesa tedesca. Bätzing ne ha ricordato la lunga esperienza episcopale: “Sei stato membro della Dbk per quasi un quarto di secolo e hai dato un contributo impegnato, hai svolto un ruolo chiave nel dare forma ai dibattiti e sei stato la nostra autorità sicura in tutte le questioni di diritto ecclesiastico”. Mons. Bätzing ringrazia espressamente Schick per il lavoro svolto come presidente della Commissione per la Chiesa mondiale: “Sei andato dove nessun altro ha viaggiato: nelle aree di crisi del mondo, in luoghi dove la miseria è diffusa… Nessuna distanza era troppo lontana per te, nessun Paese troppo pericoloso. Ti sei avvicinato alla gente con le mani tese e hai trasmesso loro la solidarietà dalla Germania”. E aggiunge: “Sei stato l’ambasciatore della Dbk nel mondo. Hai costruito ponti in tutto il mondo e hai vissuto la solidarietà come nessun altro. È grazie a te che nella nostra Chiesa è viva la responsabilità per i cristiani perseguitati”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy