Coronavirus Covid-19: Simg a ministro Speranza, “stabilire priorità vaccini in base a indice vulnerabilità”

Dare “immediata priorità nel piano vaccinale per Covid-19” ai “pazienti con una o più patologie croniche” sulla base del calcolo del cosiddetto “Indice di vulnerabilità per Covid-19”. E’ la proposta della Simg (Società italiana di medicina generale) in una lettera-appello inviata dal presidente Claudio Cricelli al ministro della Salute Roberto Speranza. Il parametro indicato, spiega Cricelli, “fa riferimento non a una generica ‘fragilità’ ponderata per età, sesso e patologie intercorrenti, ma valuta più nello specifico la ‘vulnerabilità’ per Covid-19, cioè il rischio reale rispetto a questa patologia. Questo calcolo può essere facilmente eseguito dai medici di famiglia sulla base delle cartelle cliniche aggiornate regolarmente per ogni paziente. La correlazione tra il dato dell’età e le patologie croniche con grave impatto sulla vulnerabilità e la mortalità per Covid-19 è ormai universalmente studiata, conosciuta e accettata. La pandemia ha mostrato come tali patologie rappresentino oggi uno straordinario micidiale fattore di rischio nell’aumentare la mortalità in chi è affetto da Sars-Cov-2”.

Nell’ambito della stessa lettera, Cricelli interviene anche sulle malattie croniche. “Poiché alcune malattie croniche costituiscono un gigantesco fattore di rischio per Covid-19, è indispensabile che sia immediatamente consentito anche ai medici di famiglia di poter utilizzare e prescrivere tutte le risorse terapeutiche e tutti i farmaci per patologie come diabete e Bpco, sinora riservati alla prescrizione da parte degli specialisti. Tutti i cittadini affetti da malattie croniche hanno il diritto di avere accesso attraverso il loro medico di medicina generale a farmaci e terapie indispensabili per la buona cura delle cronicità, oggi ancor più rilevanti in quanto fortemente protettive contro il Covid”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy