Esplosioni in Libano: Rocca (Croce rossa italiana), “nostre consorelle lavorano senza sosta per salvare vite e ritrovare le persone scomparse”

“Siamo vicini alla popolazione libanese, già colpita dal Covid-19 e da una devastante crisi politica ed economica, ferita al cuore dalle terribili esplosioni di ieri sera nel porto di Beirut. È di oltre 100 morti, 4.000 feriti e più di 100 dispersi il bilancio attuale”. Così il presidente della Croce rossa italiana (Cri), Francesco Rocca, sulle esplosioni di ieri sera e Beirut. “In questa terribile situazione, il popolo libanese ha mostrato come sempre grande forza e resilienza. Le nostre consorelle Lebanese Red Cross e la filiale libanese della Palestine Red Crescent society (che assiste i circa due milioni di profughi palestinesi da anni sfollati in Libano) stanno lavorando senza sosta, sin dai primi istanti, per salvare vite e ritrovare le persone scomparse”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy