Rapporto Istat: durante il lockdown “il 42,8% degli italiani dai 18 anni in su ha pregato almeno una volta a settimana”

Come hanno trascorso il tempo gli italiani durante il lockdown? Lo racconta il Rapporto annuale Istat 2020, presentato oggi a Roma, a Montecitorio, nel capitolo dedicato a “La società italiana sotto il lockdown”. Tra i vari aspetti della vita quotidiana messa sotto la lente d’ingrandimento nel periodo dell’isolamento a causa del coronavirus, anche l’assiduità nella preghiera degli italiani. “Il 42,8 per cento della popolazione di 18 anni e più ha pregato almeno una volta a settimana (il 22,2 per cento almeno una volta al giorno). Le donne lo hanno fatto più degli uomini (52,6 per cento contro 32,3 per cento) almeno una volta a settimana e anche le persone anziane di 65 anni e più (60 per cento)”, si legge nel Rapporto.
Viceversa “una quota analoga pari al 48,3 per cento si è polarizzata in maniera del tutto opposta dichiarando, invece, di non avere mai pregato durante il lockdown. Quote più elevate di chi dichiara di non aver mai pregato durante il periodo di lockdown tra gli uomini (58,1 per cento) e i giovani fino a 34 anni (64,5 per cento)”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy