Scuola: mons. Loppa (Anagni), “è scrigno di umanità, custodisce relazioni e fa crescere a tutti i livelli di vita”

“Auguro buon cammino a coloro che daranno vita a questa avventura di umanità ed esistenza che è il nuovo anno scolastico”. Esordisce con queste parole il vescovo di Anagni-Alatri, mons. Lorenzo Loppa, in un videomessaggio al mondo della scuola, diffuso dai canali web della diocesi. A studenti, famiglie, dirigenti, insegnanti e personale non docente mons. Loppa ricorda che “la scuola è uno scrigno di umanità e di vita, custodisce le relazioni e la possibilità di far crescere le persone a tutti i livelli”. Poi, rivolgendosi agli studenti, riconosce: “So che voi frequentate la scuola con la speranza di trovare un lavoro e un posto nella società, di costruirvi una famiglia e percorrere una strada che per i credenti coincide con il progetto di Dio su ognuno”. Invitandoli a “far crescere insieme, come afferma Papa Francesco, il linguaggio della mente, per pensare in grande; il linguaggio del cuore, per amare di più; il linguaggio delle mani, per operare il bene”, li esorta ad “amare la scuola: la pandemia, oltre alla frattura economica e umana, ha provocato una profonda frattura educativa: tanti cammini si sono interrotti e ringrazio il Signore perché ora la scuola ricomincia in tutta Italia”. L’auspicio è poi alla “responsabilità di coloro che guidano il cammino di bambini, ragazzi, adolescenti e giovani: possano riconoscere adulti significativi, che offrano loro uno sguardo positivo sulla vita e siano felici di affiancarli nella crescita”, chiosa, invitando a partecipare alla VI Giornata diocesana della scuola, domenica 19 settembre nella parrocchia di San Paolo in San Giacomo ad Anagni (Fr).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy