Custodia del Creato: Università Cattolica, giovedì il webinar su ecologia integrale e Laudato si’

Intraprendere azioni coraggiose e tracciare nuovi percorsi di conversione ecologica per rispondere all’invito rivolto a tutto il mondo da Papa Francesco nell’enciclica Laudato si’, di cui quest’anno ricorrono i cinque anni dalla pubblicazione.
È questo l’obiettivo dell’incontro promosso dall’Alta scuola per l’ambiente (Asa) dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, insieme con il Centro pastorale e la Fondazione EduCatt dell’Ateneo e con il patrocinio del Dicastero per lo Sviluppo umano integrale della Santa Sede, in programma live sui canali social dell’Ateneo dalle 15.30 alle 17.30 giovedì 1° ottobre.
“Ecologia integrale, Laudato si’: tempo per ricordare, ritornare, riparare, riposare, rallegrarsi. Tutto è in relazione”: questo il titolo del webinar che sarà introdotto dal rettore della Cattolica Franco Anelli e da padre Joshtrom Kureethadam, coordinatore dell’area Ecologia e Creato del Dicastero per lo Sviluppo umano integrale della Santa Sede. Seguiranno gli interventi di Roberto Zoboli, delegato rettorale per il coordinamento e la promozione della ricerca scientifica e della sostenibilità, Pierluigi Malavasi, direttore dell’Alta Scuola per l’Ambiente, Pier Sandro Cocconcelli, delegato rettorale per il coordinamento dei progetti di internazionalizzazione.
In programma anche le testimonianze di Paolo Nusiner, direttore generale dell’Università Cattolica, di Angelo Giornelli, direttore Educatt, e di giovani studenti dell’Ateneo che hanno partecipato al Villaggio della Terra 2.0. Le conclusioni del seminario saranno affidate a mons. Claudio Giuliodori, assistente ecclesiastico generale dell’Università Cattolica.
“Il grande impulso che Papa Francesco ha dato con la Laudato si’ alla mobilitazione globale per un radicale cambiamento di mentalità viene ora rilanciato con nuove e più organiche iniziative cui il nostro Ateneo vuole contribuire con competenza scientifica e passione educativa -spiega mons. Claudio Giuliodori -. Abitare la casa comune significa sentirsi cittadini responsabili verso i fratelli e l’ambiente. Ogni giorno, con scelte e stili di vita appropriati, impariamo a essere custodi sapienti del Creato e della comunità degli uomini”.
L’Asa ha già attivato l’iniziativa “Laudato si’ Project in action” per valorizzare la sinergia ricerca-formazione-conversione, con particolare riferimento al coinvolgimento dei giovani nella prospettiva di nuovi stili di vita. “Si tratta di un’iniziativa di ricerca permanente – precisa Pierluigi Malavasi, direttore di Asa -. Tale percorso si inserisce nel progetto più ampio ‘Laudato si’ generation’, espressione concreta della prospettiva dell’ecologia integrale, nato durante la Gmg di Panama nel gennaio 2019”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy