Diocesi: mons. Spinillo (Aversa), “incontrare il Cristo Risorto significa vivere come umanità nuova nella volontà di Dio”

“Ogni giorno che abbiamo davanti a noi ci apre la possibilità di sviluppare il nostro dialogo con la presenza del Signore in tutto ciò che viviamo. Speriamo di poter tornare presto a vivere insieme questa grazia di essere il popolo di Dio”. Lo dice mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa, nel commento al Vangelo per la terza Domenica di Pasqua. Ma, avverte il presule, “il Signore è presente dappertutto: la stessa esperienza, come si racconta il Vangelo di questa terza Domenica di Pasqua, poterono farla i discepoli di Emmaus”. Così “la loro sfiducia è un po’ la nostra, quando non vediamo realizzare le nostre speranze e tutto ci sembra perduto. Ma, all’atto dello spezzare il pane, essi lo riconoscono. E capiscono: incontrare il Cristo Risorto significa vivere come umanità nuova nella volontà di Dio, nell’amore del Padre che sa spezzare il pane con i fratelli”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy