Russia: caso Navalny, domenica nuove manifestazioni nel Paese. Don Kowalevski (Mosca) ai parrocchiani, “evitate assembramenti e andate in chiesa”

“A causa degli eventi in programma per questa domenica 31 gennaio in piazza Lubyanka a Mosca, si prega di non utilizzare auto personali per raggiungere la chiesa di san Luigi dei francesi”. Questo l’avviso apparso sul profilo Facebook di Igor Kowalevski, segretario della Conferenza episcopale dei vescovi russi nonché responsabile della parrocchia moscovita. Nel suo “avviso ai parrocchiani”, don Igor invita a “evitare assembramenti di persone e andare direttamente in chiesa per la celebrazione”, senza indugiare per strada, onde evitare di essere fermati irragionevolmente da parte della polizia”. Sono previste infatti per il 31 gennaio nuove manifestazioni per chiedere venga liberato l’attivista Aleksey Navalny, arrestato il 17 gennaio, appena rientrato in Russia dopo il lungo periodo di cura e riabilitazione a cui è stato sottoposto in Germania, dopo l’avvelenamento subito. Come per il 23 gennaio scorso, i suoi sostenitori stanno invitando i cittadini a scendere nelle strade centrali delle loro città alle 12 di domenica prossima. Ieri, 28 gennaio, sono state compiute diverse perquisizioni nelle abitazioni dei collaboratori di Navalny e alcuni arresti, con le accuse di aver violato le restrizioni sanitarie durante la manifestazione. Di oggi la notizia pubblicata sulla testata moscovita “Mediazona” secondo cui, sempre per ragioni sanitarie, domani le udienze preliminari delle persone arrestate avverranno a porte chiuse. Sul banco degli imputati, tra gli altri, il fratello dell’attivista, Oleg Navalny.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy