Coronavirus Covid-19: Croce Rossa, “attenzione alle truffe. La Cri non chiama per chiedere contributi. Usare solo i canali istituzionali”

La Croce Rossa italiana mette in guardia i cittadini da possibili truffe. “A seguito di alcuni episodi segnalati da Comitati territoriali dell’associazione o da notizie di cronaca”, afferma una nota ufficiale diffusa oggi, “è opportuno ribadire che attualmente è in corso una campagna pubblica di raccolta fondi via Sms al numero 45505 per gli utenti Wind, Tim e Vodafone ma che la Cri non chiede contributi e sostegni chiamando direttamente i cittadini né soprattutto lo fa porta a porta o davanti agli ospedali o usando altri canali”. Chi volesse contribuire, oltre a inviare l’sms o chiamare il numero verde 800.065510, può contattare la Croce Rossa utilizzando esclusivamente i canali ufficiali riportati sul sito all’indirizzo: https://www.cri.it/donazioni-coronavirus o contattando i Comitati territoriali in caso di sostegno diretto alle realtà attive in tutta Italia. In caso di richieste dirette di denaro l’invito è a contattare il numero verde della Croce Rossa italiana 800.065510 per chiedere informazioni e in caso di evidenti tentativi di truffe di denunciarli alle autorità competenti. L’allarme della Croce Rossa parte in questi giorni da alcuni episodi segnalati anche dai mezzi di informazione. “Per ora le segnalazioni che ci sono arrivate, per fortuna, sono poche – sottolinea la Cri – ma riteniamo importante mettere in guardia soprattutto le persone più anziane da tentativi di frode che approfittano della buona fede e della generosità di tanti in un momento molto difficile di emergenza. Quello delle tentate truffe è un fenomeno che abbiamo rilevato a inizio pandemia e che adesso sembra, purtroppo, riproporsi”, conclude la Cri.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy