Parlamento europeo: Sassoli (presidente) apre i lavori con un minuto di silenzio in memoria di Samuel Paty

Al via la sessione plenaria del Parlamento europeo, ma si lavora da remoto “con grande dispiacere”, ha affermato il presidente David Sassoli, che ha chiesto nei giorni scorsi agli eurodeputati di seguire i lavori e votare preferibilmente dalle sedi del Parlamento europeo nei Paesi Ue. “Samuel Paty credeva alla libertà di espressione e voleva insegnare la libertà di pensiero e il valore del vivere insieme”: con un pensiero e un minuto di silenzio in memoria dell’insegnante francese decapitato, Sassoli ha aperto i lavori. “Il fanatismo e l’intolleranza uccidono; il terrore si combatte con l’educazione e un insegnamento benevolente e critico”, ha continuato Sassoli, ritenendo indispensabile “il sostegno di una società per cui la libertà di espressione è fondamentale”. L’agenda dei lavori, da oggi e fino al 23 ottobre, vede al primo punto i servizi digitali e l’intelligenza artificiale, con la discussione di iniziative legislative su come regolamentare i servizi digitali, comprese le piattaforme on line e i mercati, e su come l’Ue può regolamentare al meglio l’intelligenza artificiale per “promuovere l’innovazione, gli standard etici e la fiducia nella tecnologia”. Altro tema centrale la riforma della politica agricola Ue, per renderla “più sostenibile, resiliente e flessibile, così da poter continuare a garantire la sicurezza alimentare nell’Ue”; si parlerà anche di deforestazione, della spinosa questione della vendita di passaporti Ue da parte di alcuni Paesi. La Commissione presenterà il suo programma di lavoro per 2021 e con il Consiglio si farà il punto sui lavori che si sono tenuti il 15 e il 16 ottobre. Giovedì 22 ottobre verrà annunciato il vincitore del premio Sacharov 2020.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa

Informativa sulla Privacy