Brasile: Cnbb, i vescovi stanno lavorando a un nuovo statuto per una Chiesa più “sinodale e missionaria”

La Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (Cnbb) ha avviato il processo di elaborazione di un nuovo statuto. L’idea è che la sua struttura e il suo funzionamento riflettano il volto della Chiesa oggi, riconoscendo la necessità di essere sinodali e missionari. Sono sei le fasi che porteranno alla stesura del testo e si concluderanno con la discussione e l’approvazione durante la cinquantottesima Assemblea generale della Cnbb, l’anno prossimo, e con l’approvazione del nuovo statuto da parte della Santa Sede.
In un primo documento che in queste settimane è al vaglio dei vescovi si scrive: “Il nuovo statuto dovrebbe riflettere una Chiesa che riconosca la necessità di essere sinodale e missionaria, sapendo che queste due caratteristiche non si escludono a vicenda o si sovrappongono, ma sono indispensabili. In un mondo sempre più plurale, in cui la persona e il messaggio di Gesù Cristo hanno bisogno di essere annunciati instancabilmente, è essenziale che la Chiesa accolga le diverse realtà nelle sue strutture, perché la missione richiede la sinodalità. In un mondo sempre più polarizzato, dove le differenze, oltre a non essere sempre valorizzate, rischiano di generare inimicizia, la continua ricerca di una strada comune in mezzo alle differenze diventa condizione per la testimonianza missionaria”.
“Abbiamo un enorme compito di rinnovo dello Statuto. Il tempo stringe, la pandemia ci ha spinto ancora più velocemente a pensare all’orizzonte di questa nostra operazione”, ha affermato il presidente della Cnbb, dom Walmor Oliveira de Azevedo, arcivescovo di Belo Horizonte, in occasione dell’ultima riunione del Consiglio episcopale pastorale (Consep).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy