Economia: Eurostat, nell’Eurozona rapporto deficit/Pil sale al 2,2%. Debito Italia al 137,6% del Pil

Il rapporto deficit pubblico/prodotto interno lordo nei primi quattro mesi del 2020 è schizzato al 2,2% nell’area euro e al 2,3% nell’Unione europea. A questi livelli non si arrivava dal secondo trimestre del 2015, dice Eurostat oggi che lega l’incremento (era allo 0,7% a fine 2019) al lock down dei mesi scorsi: soprattutto alle misure politiche sulle imposte (esenzioni, rinvio dei termini di pagamento) e alle misure di spesa a sostegno dell’occupazione e delle imprese. A livello di rapporto debito pubblico/Pil invece nell’area euro è stato dell’86,3% (era all’84,1% nel quarto trimestre del 2019); nell’Ue è passato dal 77,7% della fine 2019 al 79,5%. Avvisa Eurostat: solo nel secondo trimestre del 2020 gli impatti delle misure di contenimento e delle risposte politiche si materializzeranno appieno con un aumento di esigenze di finanziamento. Da Eurostat anche l’analisi specifica per Paesi: I rapporti più elevati tra debito pubblico e Pil alla fine del primo trimestre 2020 sono stati registrati in Grecia (176,7%), Italia (137,6%), Portogallo (120,0%), Belgio (104,4%) e Francia (101,2%); dall’altra parte della scala Estonia (8,9%), Bulgaria (20,3%) e Lussemburgo (22,3%).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy