Comitato Regioni: si apre un nuovo mandato. Assemblea plenaria per eleggere la presidenza. Candidato il macedone Tzitzikostas

(Bruxelles) Si apre un nuovo capitolo per il Comitato europeo delle Regioni (Ecr), organismo con funzione consultiva che esprime la voce dei rappresentanti degli enti locali e regionali dei 27 Paesi Ue: il 25 gennaio sono entrati in carica i nuovi membri (selezionati su base nazionale e approvati dai singoli governi e dal consiglio dei ministri dell’Ue) e durante l’assemblea plenaria dell’11-13 febbraio a Bruxelles sarà eletto il nuovo presidente Ecr e il primo vice-presidente, oltre che i membri dei sei gruppi tematici. Secondo quanto riferisce una nota del Comitato, candidato alla presidenza è il macedone Apostolos Tzitzikostas (Ppe), mentre Vasco Corderiro (Azzorre) è il candidato alla vice-presidenza (gruppo socialista). Sarà la prima plenaria senza i 24 delegati britannici, i cui seggi sono stati distribuiti a Cipro, Estonia e Lussemburgo, che ne avevano persi con l’ingresso della Croazia nel 2013. I 350 delegati si confronteranno con Dubravka Šuica, vicepresidente della Commissione Ue, e con un rappresentante della presidenza croata del Consiglio dell’Ue. Sarà messa ai voti anche una serie di risoluzioni preparate durante il mandato del presidente belga Karl-Heinz Lambertz (gruppo socialista) e del vicepresidente finlandese Markku Markkula (Ppe), entrambi ancora membri dell’assemblea.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo

Informativa sulla Privacy