Diocesi: Treviso, domani mons. Tomasi celebra messa a Cendon per la Giornata delle vocazioni. “Giovani, sognate la vostra vita!”

“Abbiamo bisogno di giovani che sognino la propria vita come la risposta a una chiamata. Prenderai una decisione importante solo quando avrai sognato qualcosa di bello di cui tu sei protagonista. Tu, e tante altre persone che, grazie a te, riescono a essere felici, a dare senso alla propria vita, a fiorire, a spiccare il volo”. Lo ha scritto il vescovo di Treviso, mons. Michele Tomasi in un messaggio inviato in occasione della Giornata mondiale di preghiera per le vocazioni. La diocesi di Treviso vivrà questo momento in particolare con la messa delle 9.30 (in diretta tivù su Antenna3 e in streaming sui siti diocesani), che sarà celebrata dalla chiesa di Cendon di Silea e animata dalla Comunità vocazionale del Seminario, che vive da un anno e mezzo proprio nella canonica di Cendon. Prima della celebrazione, il vescovo rivolgerà un saluto, in video.
Per mons. Tomasi, “parlare di vocazione è necessario. Proprio in questa nostra difficile situazione, perché la vita non si può fermare. Perché abbiamo e avremo bisogno di persone che si trovano al posto che occupano perché hanno risposto a una chiamata, e vivono la loro vita come un dono per sé e per gli altri. In ogni professione, in ogni stato di vita”. “Perché – spiega il vescovo rivolgendosi ai giovani – non possiamo rinunciare a un mondo in cui il bene di tutti viene messo al centro dell’esistenza di ciascuno, dove ogni professione cerca di aiutare gli altri a esserci, e a esserci per gli altri. Perché abbiamo bisogno di papà e mamme che possano creare spazi di bellezza e di accoglienza per i loro figli, in un servizio reciproco che non può essere a termine. Perché la Chiesa ha bisogno di vite che scoprano la propria bellezza nel dono di sé all’incontro con il Signore Gesù che, vivo in mezzo a noi, vuole continuare a donarsi, anche attraverso di noi. Attraverso di te”. Da qui l’invito a “pensare alla tua vita come la risposta a una chiamata, a una chiamata del Dio della vita”. “Ascolta che cosa ti dice la tua chiamata. Ascolta la tua vocazione”, l’esortazione di mons. Tomasi: “Non è tempo perso, tutt’altro. Il sogno di felicità che c’è nel tuo cuore può realizzarsi, e lo può fare quando la tua vita diventa servizio, diventa dono”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy