Libano: esplosioni a Beirut. Un team di Vigili del fuoco italiani in missione di soccorso

È partito ieri sera alle ore 18 dall’aeroporto di Pisa con un C-130 dell’Aeronautica militare, un team composto da 14 esperti dei Vigili del fuoco italiani, atterrati alle ore 5 locali a Beirut per portare soccorso dopo le esplosioni che hanno devastato la città del Libano. Il team di specialisti Nbcr (Nucleare biologico chimico radiologico), sarà a disposizione delle autorità locali e assicurerà il supporto tecnico sul fronte del rischio chimico sul teatro delle operazioni, oltre che per valutare lo stato delle strutture danneggiate dalla forte esplosione. Si legge sul sito dei Vigili del fuoco che gli specialisti in missione, guidati dalla team leader Stefania Fiore della Direzione centrale emergenza, opereranno con speciali mezzi in possesso dei nuclei Nbcr avanzati di Lazio, Piemonte, Lombardia, Toscana e Veneto, e saranno in grado di rilevare sostanze pericolose disperse nell’ambiente ed assicurare ricognizioni esperte per la sicurezza dello scenario. Il Corpo nazionale dei Vigili del fuoco, allertato dal dipartimento della Protezione civile nazionale, ha risposto alla richiesta di aiuto internazionale trasmessa dal Libano all’Emergency response coordination centre (Ercc), il cuore del meccanismo europeo di protezione civile.

Aiuti umanitari dall'Italia: C-130J verso Beirut

Le immagini del primo C-130J della 46ª Brigata Aerea dell'#AeronauticaMilitare, decollato ieri sera per il Libano 🇱🇧 con a bordo aiuti umanitari diretti a #Beirut dopo la grave esplosione di martedì#latuasquadrachevola Ministero della Difesa Stato Maggiore della Difesa – Italian Armed Forces Dipartimento Protezione Civile

Pubblicato da Aeronautica Militare su Giovedì 6 agosto 2020

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy