Imprese: Istat, “anche prima della crisi Covid-19 non mostravano di essere pronte a un cambio di passo nei processi di trasformazione digitale”

“Anche prima della crisi Covid-19, le imprese italiane non mostravano di essere pronte a un cambio di passo nei processi di trasformazione digitale”. Lo comunica oggi l’Istat diffondendo il report “Digitalizzazione e tecnologia nelle imprese italiane”.
Stando ai dati diffusi, nel periodo 2016-2018 oltre tre quarti delle imprese con almeno 10 addetti (77,5%) hanno investito, o comunque utilizzato, almeno una delle 11 tecnologie (tra cui software gestionale, fibra ottica, rete 4G-5G, cloud, big data) individuate nel questionario del censimento come fattori chiave di digitalizzazione. “La maggior parte delle imprese – spiega l’Istat – utilizza un numero limitato di tecnologie, dando priorità agli investimenti infrastrutturali (soluzioni cloud, connettività in fibra ottica o in mobilità, software gestionali e, necessariamente, cyber-security) e lasciando eventualmente a una fase successiva l’adozione di tecnologie applicative”. Appena il 16,6% delle imprese ha adottato almeno una tecnologia tra Internet delle cose, realtà aumentata o virtuale, analisi dei Big Data, automazione avanzata, simulazione e stampa 3D.
Dal report emerge che “il discrimine dimensionale nell’adozione di tecnologie digitali è assai marcato”. Ha effettuato investimenti digitali il 73,2% delle imprese con 10-19 addetti e il 97,1% di quelle con oltre 500 addetti. Meno significative sono le differenze territoriali: si passa dal 73,3% nel Mezzogiorno al 79,6% nel Nord-est.
Secondo l’Istat, “la valutazione del grado di maturità digitale delle imprese italiane con 10 addetti e oltre può essere sintetizzata in quattro punti: circa tre quarti delle imprese sono impegnate in investimenti digitali (ma con prospettive di ulteriore diffusione di tali attività); le imprese sotto i 100 addetti sono prevalentemente coinvolte nella ‘costruzione’ del loro peculiare modello di digitalizzazione; le imprese con oltre 100 addetti sono invece alle prese con la difficile ‘sperimentazione’ di nuove soluzioni tecnologiche e organizzative; soltanto il 3,8% delle imprese (che valgono il 16,8% di addetti e il 22,7% di valore aggiunto) è già nella fase di maturità digitale; tale quota è decisamente più elevata nel Nord-ovest (4,7%), tra le imprese con oltre 500 addetti (23%) e nell’industria (5,2%)”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy