Eurostat: Paesi Ue producono 11 milioni di biciclette in un anno. Record in Portogallo, Italia seconda in Europa

Nel 2019 l’Ue ha prodotto oltre 11,4 milioni di biciclette. Ciò rappresenta un aumento del 5% rispetto all’anno precedente e del 10% in più rispetto al numero di biciclette prodotte nel 2014. Lo afferma Eurostat rendendo noti oggi gli esiti di una ricerca nel settore. “La produzione totale di biciclette ha raggiunto il picco di 13,7 milioni nel 2015, il 17% in più rispetto al numero prodotto nel 2019”. Tra gli Stati membri dell’Ue, il Portogallo è stato il maggior produttore di biciclette nel 2019, producendo 2,7 milioni di biciclette, seguito da Italia (2,1 milioni), Germania (1,5 milioni), Polonia (0,9 milioni) e Paesi Bassi (0,7 milioni). Questi cinque Paesi insieme rappresentavano il 70% della produzione totale di biciclette dell’Unione nel 2019. Lo scorso anno gli Stati membri dell’Ue hanno esportato quasi 1 milione di biciclette e altri cicli, per un valore totale di 368 milioni di euro, in Paesi al di fuori dell’Unione. Ciò rappresenta un aumento del 24% dei numeri rispetto al 2012. Nello stesso periodo, gli Stati membri hanno importato oltre 5 milioni di biciclette, per un valore di 942 milioni di euro, da Paesi al di fuori dell’Ue. Rispetto al 2012, ciò rappresenta un calo del 12%.
Inoltre, gli Stati Ue hanno esportato 191.900 biciclette elettriche per un valore di 272 milioni di euro nel 2019 (i dati includono biciclette con pedalata assistita e un motore elettrico ausiliario). Nel frattempo, hanno importato 703.900 biciclette elettriche, per un valore di 594 milioni di euro. Rispetto al 2012, il numero di biciclette elettriche esportate è stato quasi dodici volte superiore nel 2019, mentre le importazioni di biciclette elettriche sono raddoppiate. Le importazioni di biciclette provenivano principalmente da Cambogia, Taiwan e Cina.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy