Fine vita: Zanobini (Meyer), “l’hospice risposta di dignità e civiltà che accompagna il bambino nella fase terminale della vita”

“A distanza di 10 anni dall’approvazione della legge n. 38 del 15 marzo 2010, che stabilisce il diritto di ogni cittadino ad accedere alle cure palliative e alla terapia del dolore, per la prima volta tutti i più importanti dipartimenti e ospedali pediatrici in Italia – tra cui il Bambino Gesù di Roma, il Gaslini di Genova, il Santobono-Pausilipon di Napoli, il Policlinico di Padova – si riuniscono per fare il punto su questo delicato tema”. Lo ha detto Alberto Zanobini, direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer di Firenze, questa mattina, aprendo il convegno nazionale, “L’hospice pediatrico nodo centrale della rete di cure palliative. Verso un modello nazionale di assistenza”, promosso dal Meyer e dalla rete pediatrica toscana.
“Con questa giornata – ha precisato Zanobini – vogliamo rilanciare una risposta di dignità e di civiltà che accompagna tutte le fasi della vita fino all’ultimo istante, affinché tutte le famiglie possano trovare un riferimento importante nel sistema sanitario nazionale”.
Il direttore generale ha poi annunciato la nascita di un nuovo hospice pediatrico, “Casa Marta”, che sorgerà a due passi dal Meyer e che sarà un ponte unico nel suo genere tra l’ospedalizzazione e il ritorno a casa. La gestione sarà condivisa con la Fondazione solidarietà Caritas onlus e la Fondazione Marta Cappelli.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy