Papa Francesco: ad associazione Fiat, “l’evangelizzazione è al cuore della missione della Chiesa”. La guerra in Ucraina richiama “l’urgenza di una civiltà dell’amore”

“Oggi la questione dell’evangelizzazione è al cuore della missione della Chiesa. Più che mai siamo tutti interpellati ad essere protagonisti di una Chiesa in uscita, sotto l’impulso dello Spirito Santo”. Lo ha detto questa mattina il Papa ricevendo in udienza in Vaticano i partecipanti al Simposio “Sulle orme del Cardinale Suenens-Lo Spirito Santo, Maria e la Chiesa”, promosso dall’Associazione “Fiat”. “Un’evangelizzazione con spirito – ha spiegato Francesco citando l’Evangelii Gaudium – è un’evangelizzazione con lo Spirito Santo, dal momento che Egli è l’anima della Chiesa evangelizzatrice”. “Il mondo diventa sempre più secolarizzato – ha proseguito -. Questo va avanti in modo accelerato e abbiamo bisogno di discepoli convinti nella loro professione di fede e capaci di trasmettere la fiamma della speranza agli uomini e alle donne di questo tempo. Le tragedie che viviamo in questo momento, particolarmente la guerra nel territorio dell’Ucraina così vicina a noi, ci richiamano l’urgenza di una civiltà dell’amore. Nello sguardo dei nostri fratelli e sorelle vittime degli orrori della guerra, leggiamo il bisogno profondo e pressante di una vita improntata alla dignità, alla pace e all’amore”. Nello sguardo dei nostri fratelli e sorelle vittime degli orrori della guerra, leggiamo il bisogno profondo e pressante di una vita improntata alla dignità, alla pace e all’amore”. “Come la Vergine Maria – l’esortazione del Papa -, dobbiamo continuamente coltivare lo spirito missionario per farci prossimi di coloro che soffrono, aprendo a loro i nostri cuori. Dobbiamo camminare con loro, lottare con loro per la loro dignità umana e diffondere dappertutto il profumo dell’amore di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy