Papa Francesco: a comunità “Madonna delle Lacrime”, “la guerra distrugge non solo gli sconfitti ma anche i vincitori. Distrugge tutti”

“La guerra distrugge non solo gli sconfitti ma anche i vincitori. Distrugge tutti”. Lo ha detto il Papa, ricevendo oggi in udienza la Comunità pastorale “Madonna delle lacrime” da Treviglio (Bergamo). “Le lacrime di Maria sono il riflesso delle lacrime di Gesù” che secondo il Vangelo ha pianto due volte: “sulla tomba dell’amico Lazzaro e davanti a Gerusalemme”, ha spiegato Francesco. “Ma possiamo immaginare che Gesù abbia pianto anche di gioia, ad esempio quando vedeva i piccoli, gli umili del popolo accogliere con entusiasmo il Vangelo”. Maria, la Madre, “la prima discepola”, ha proseguito il Papa, “ha seguito il Figlio in tutto, anche nella santità dei sentimenti”. “Sicuramente dai suoi occhi scesero lacrime di gioia” quando diede alla luce Gesù, e pianse “lacrime amare”, alla fine, “quando lo seguiva lungo la via dolorosa, e mentre stava sotto la croce”. In Maria, ha spiegato Francesco, tutto “è trasfigurato nella perfetta unione con il Figlio, con il suo mistero di salvezza”. Perciò “quando Maria piange, le sue lacrime sono segno della compassione di Dio”. “Dio ha compassione per noi, sempre; e Dio vuole perdonarci. E vi ricordo una cosa – ha aggiunto a braccio -: Dio perdona sempre! Sempre! Siamo noi a stancarci di chiedere il perdono. E per questo le lacrime della Madonna sono un segno della compassione di Dio, che con questa compassione ci perdona sempre; sono un segno del dolore di Cristo per i nostri peccati, per il male che affligge l’umanità, specialmente i piccoli, gli innocenti”. “Le lacrime di Maria sono anche segno del pianto di Dio per le vittime della guerra che sta distruggendo non solo l’Ucraina – ha detto ancora il Papa fuori testo -; siamo coraggiosi e diciamo la verità: sta distruggendo tutti i popoli coinvolti nella guerra. Tutti. Perché la guerra non solo distrugge il popolo sconfitto, no, distrugge anche il vincitore; distrugge anche coloro che la guardano con notizie superficiali per vedere chi è il vincitore, chi è lo sconfitto. La guerra distrugge tutti. Attenti a questo”. “Al suo Cuore immacolato abbiamo affidato la nostra supplica, e siamo certi che la Madre l’ha accolta e intercede per la pace, perché lei è la Regina della Pace. È la Madre della Pace”. “E domani – ha concluso a braccio – sarà la Domenica della Misericordia. Lei è la Madre della Misericordia. Sa cosa significa misericordia, perché ‘l’ha tolta’ da Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy