Reddito di cittadinanza: Rossini (Acli), “necessario migliorarlo, anche attraverso Patti per l’imprenditoria civile”

“Il Reddito di cittadinanza, insieme al Reddito di emergenza, sta fornendo un valido aiuto a tanti individui in povertà ma se vogliamo costruire degli argini per affrontare la crisi sociale che si sta aprendo dopo quella sanitaria, dobbiamo pensare a strumenti di più ampio respiro”. Così il presidente nazionale delle Acli, Roberto Rossini, ha commentato la ricerca Censis-Confocooperative sugli effetti economici del Covid-19. “Il Reddito di cittadinanza va migliorato, così come stiamo proponendo da tempo, in particolare a favore delle famiglie con più figli e degli stranieri, e poi – ha continuato Rossini – anche velocizzando l’accoglienza delle domande, magari collegandolo alla dichiarazione Isee”. “Nello stesso tempo – ha aggiunto il presidente delle Acli – si potrebbero attivare, accanto al Patto per il lavoro e al Patto per l’inclusione sociale, anche dei Patti per l’imprenditoria civile”. “Si tratterebbe – ha spiegato – di una misura innovativa improntata alla creazione di opportunità e di lavoro buono e comunque di percorsi che aiutino i beneficiari ad uscire dalla povertà attraverso percorsi di inclusione lavorativa in un’ottica di riconversione del modello economico, da economia tradizionale ad economia civile”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy