Fame nel mondo: Onu, “135 milioni di persone in 55 Paesi in condizioni di insicurezza alimentare acuta”. Colpite soprattutto Africa, Medio Oriente, Asia

Alla fine del 2019, 135 milioni di persone in 55 Paesi e territori hanno vissuto condizioni di insicurezza alimentare acuta. Inoltre, nei 55 Paesi in crisi alimentare, 75 milioni di bambini erano colpiti da malnutrizione cronica e 17 milioni da malnutrizione acuta. E’ quanto emerge dal Rapporto annuale sulla sicurezza alimentare acuta e sulla nutrizione, pubblicato oggi da un’alleanza internazionale delle Nazioni Unite, agenzie governative e non, che lavora per identificare le cause principali di fame estrema. Il rapporto del Network globale contro le crisi alimentari denuncia che “questo è il livello più alto di insicurezza alimentare acuta e malnutrizione documentato dalla prima edizione, nel 2017”. Oltre la metà (73 milioni) dei 135 milioni di persone prese in esame dal rapporto vivono in Africa; 43 milioni vivono in Medio Oriente e in Asia; 18,5 milioni vivono in America Latina e nei Caraibi. I fattori chiave alla base dei trend analizzati nel rapporto sono: conflitto (fattore chiave che ha causato insicurezza alimentare acuta per 77 milioni di persone), condizioni atmosferiche estreme (34 milioni di persone) e turbolenza economica (24 milioni).

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy