Crisi Libia: card. Bassetti, “guerra esito di scelte miopi e interessate”, “nuove logiche coloniali”

(Foto Siciliani-Gennari/SIR)

“Vuol essere l’occasione per dare risonanza, dalle diverse sponde del Mare, a quanto accade e poter avviare un processo di visioni condivise e collaborazioni fattive”. Così il card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Città della Pieve e presidente della Cei, ha definito l’incontro di spiritualità e di pace promosso dalla Chiesa italiana a Bari, dal 19 al 23 febbraio, che si concluderà con la celebrazione eucaristica presieduta dal Papa. “L’incontro cade in un momento di crisi, particolarmente drammatico”, ha detto Bassetti: “alcune compagini statali – dalla Libia, alla Siria all’Iraq – sono in frantumi, altre sono attraversate da tensioni fortissime”. “La guerra, in più punti del Mediterraneo, è l’esito di scelte miopi e interessate, dalle quali non sono estranee nuove logiche coloniali, avanzate dalle grandi potenze”, il grido d’allarme della Cei: “Come Chiese intendiamo offrire una testimonianza di comunione, che non si rassegna a situazioni violente e a strutture sociali ingiuste”, l’appello corale di Bassetti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa

Informativa sulla Privacy