Venerdì 19 Settembre 2014 
SIR - Servizio Informazione Religiosa
Sinodo sulla famiglia
Sinodo sulla famiglia: Dossier Sir
Quotidiano
Italiano
English
Mediacenter
Venezia Film Festival 2014
Europe [FREE]

N. 65 del 19 settembre 2014

N. 64, September 17, 2014
Venerdì 19 settembre 2014
EDITORIALE
Le libertà fondamentali, fra cui quella di religione, dovrebbero essere un punto fermo dell'azione Ue sulla scena internazionale
Stefan Lunte - Sir Europa (Francia)
-
Venerdì 19 settembre 2014
ALBANIA
Il Paese che accoglie il Papa è un modello di convivenza tra le diverse fedi. "Fa parte della nostra storia"
-
Venerdì 19 settembre 2014
BELGIO
L'oncologa Catherine Dopchie riflette sul senso della vita e della morte. E afferma: "Non esiste amore senza verità"
-
Venerdì 19 settembre 2014
SETTIMANA DELLA MOBILITÀ
Iniziative in 38 Paesi per riscoprire la qualità della vita in città. Lasciando le auto in garage almeno per qualche giorno
-
Venerdì 19 settembre 2014
EDITORIAL
Fundamental freedoms, including that of religion, should be a pillar of EU action at international level
Stefan Lunte - Sir Europe (France)
Venerdì 19 settembre 2014
ALBANIA
The land that welcomes the Pope is a model of coexistence between different faiths. "It's a part of our history"
Venerdì 19 settembre 2014
BELGIUM
Oncologist Catherine Dopchie reflects on the meaning of life and death. "There is no love without truth"
Venerdì 19 settembre 2014
MOBILITY WEEK
Initiatives in 38 Countries to rediscover the quality of life in the city. Leaving cars in the garage for a few days at least
Le omelie del Papa a Santa Marta (Fonte: Radiovaticana.va)
seguici su Twitter
sir su youtube
Venerdì 19 settembre 2014
CHAMPIONS 2016 A MILANO
-
Prima Pagina [FREE]
Venerdì 19 settembre 2014
DALLE ASSOCIAZIONI
Carlo Costalli (Mcl): "Si offre una possibilità più concreta di stabilizzare con tempi speriamo certi e ragionevoli quell’universo di giovani falcidiati dalla crisi e costretti a umilianti condizioni di lavoro". Per Gianni Bottalico (Acli) è necessario "un grande piano industriale per il lavoro, lo sviluppo, le grandi infrastrutture, la ricerca". E ancora: "Dobbiamo superare le politiche di austerità"
Jobs Act: speranze, molte. Certezze, poche. Ma forse è la volta buona perché qualcosa si muova nell’ingessato mondo del lavoro italiano dove da anni, anzi decenni, si sente parlare della necessità di difendere i “diritti dei lavoratori” (sacrosanti), ma anche del crescente, anzi per certe realtà territoriali drammatico, livello della disoccupazione giovanile (al Sud fino al 40-45%).
Luigi Crimella
-
Venerdì 19 settembre 2014
DOMENICA LA VISITA DEL PAPA
Un "modello" che affonda le radici nei quattro valori "inscritti nel carattere del Paese": la parola data ("besa"), l'ospitalità e/o la generosità ("mikëpritja e/o bujaria"), il coraggio ("trima o trimëria"), la famiglia. Questi valori rimandano al dna e alla storia albanese. La persecuzione da parte del regime comunista ha cementato le relazioni tra cristiani e musulmani, malgrado il rischio di morte
Albania, terra di dialogo e di pacifica convivenza tra le religioni. Non è una semplice constatazione, tratta da fredde statistiche. Si tratta, piuttosto, della storia di un popolo che sulle sofferenze patite nel corso dei secoli - dall’occupazione ottomana fino alla proclamazione, per legge, dell’ateismo di Stato durante il regime comunista (unico caso in tutto il mondo) - ha costruito, non senza fatica, un clima di reciproco rispetto e di collaborazione tra le diverse religioni e denominazioni cristiane.
dall'inviato Sir a Tirana, Vincenzo Corrado
-
Venerdì 19 settembre 2014
L'OPINIONE DEL TERRITORIO
I giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), in uscita in questi giorni, guardano con preoccupazione all'escalation di guerre e violenze nel mondo. "Il Papa ci dice che la pace, grande segno universale di amore, è possibile", rilevano le testate Fisc
“L’orrore dilaga e pare non fermarsi”. I giornali aderenti alla Fisc (Federazione italiana settimanali cattolici), in uscita in questi giorni, guardano con preoccupazione all’escalation di guerre e violenze nel mondo. “Il Papa ci dice che la pace, grande segno universale di amore, è possibile”, rilevano le testate Fisc, perciò “occorre perseverare nella preghiera per convincere gli uomini del potere a deporre l’ascia di guerra”. Tra gli altri argomenti affrontati dai settimanali: la situazione politica italiana, la ripresa della scuola, cronaca e vita delle diocesi.
Gigliola Alfaro
-
Venerdì 19 settembre 2014
LONDRA RESPIRA, MA...
Il referendum scozzese è stato un'occasione utile per portare nuovamente alla luce malumori che serpeggiano in tante zone dell'Europa. Se nel referendum fosse stata presente una terza opzione rappresentata da una forte autonomia senza completa secessione, ci sono pochi dubbi che questa avrebbe raccolto un’ampia maggioranza di consensi
Il Regno Unito è ancora tale. Il referendum che poteva sancire l’indipendenza scozzese ha visto prevalere di un soffio il fronte unionista e molti sospiri di sollievo sono stati tirati a Londra. Ma ancora una volta la politica ha reagito alle paure (dell’Europa, delle conseguenze, del presente, del futuro), piuttosto che guidare i cittadini per dominarle.
Stefano Costalli
-
Venerdì 19 settembre 2014
STOP ALL'INDIPENDENZA
Edimburgo resta con Londra nel Regno Unito, ma otterrà nuovi poteri e autonomie maggiori da Westminster. Verso uno Stato federale. "Ora è il tempo della riconciliazione": domenica funzione ecumenica "per la guarigione" del Paese
Non ce l’hanno fatta gli indipendentisti discendenti di Braveheart a separare questo Regno unito dal 1707 né a far diventare più piccola la Gran Bretagna. Per adesso finisce nel cassetto il sogno di uno Stato stile norvegese, dove il petrolio del Mare del Nord avrebbe aiutato i poveri, vittime del declino industriale e dei tagli selvaggi al welfare, prima da parte della Thatcher e poi di Cameron. Con il 55,4% dei voti, oltre 1,9 milioni di scozzesi hanno detto che preferiscono stare insieme con gli inglesi.
Silvia Guzzetti
-
Venerdì 19 settembre 2014
NON SOLO DONNE DA AIUTARE
La Caritas di Bolzano già dal 2000 organizza "Change", un percorso antiviolenza. Lo psicoterapeuta Massimo Mery: "Abbiamo aperto uno spazio dove soggetti con problemi di identità 'maschile' o difficoltà nel gestire il rapporto di coppia avessero la possibilità di esprimersi senza sentirsi giudicati". Il 10% dei partecipanti arriva volontariamente, gli altri attraverso i servizi sociali
Aiutare gli uomini “maltrattanti” ad abbandonare le condotte violente. Perché per contrastare il fenomeno della violenza di genere non basta agire solo sulle vittime; occorre intervenire anche sugli aggressori. Nella consapevolezza che, in determinate situazioni e in base alla fragilità individuale, qualsiasi uomo può sviluppare reazioni estreme perché nessuno è immune o vaccinato contro la violenza, ma con un percorso appropriato è possibile cambiare.
Giovanna Pasqualin Traversa
-
Venerdì 19 settembre 2014
ISLAMISMO RADICALE
Ma cosa li spinge ad abbracciare la causa del fondamentalismo islamico e andare a combattere in Siria e Iraq? Oltre al dissesto economico che genera povertà e disoccupazione le cause vanno ricercate anche nella debolezza delle strutture statali e soprattutto nella marginalizzazione delle fasce più giovani della popolazione sedotte dall’idea di combattere, retribuite, la jihad
Sarebbero oltre 12mila, di 81 nazionalità, i combattenti stranieri che si sono recati in Siria negli ultimi tre anni, praticamente dall’inizio del conflitto. Di questi circa 3mila provengono anche da Francia (700), Gran Bretagna (400), Germania (270), Bosnia Erzegovina (150) e Kosovo (200).
Daniele Rocchi
-
Giovedì 18 settembre 2014
GRAVINA DI PUGLIA
A due anni dalla morte di Franca Zuccaro, una sarta di Gravina di Puglia, la sua amica neurologa Maria Luisa Mastrogiacomo la ricorda così: "Ha cambiato il mio modo di fare il medico". Raccolte in un libro le testimonianze di quanti hanno ricevuto da lei del bene. Una donna semplice, Franca, ma capace di organizzare la carità, anche con la sua sola presenza a fianco dei malati e dei poveri
Esistono ancora oggi persone totalmente altruiste, che mettono da parte gli affari e i problemi personali per dedicarsi gratuitamente, e totalmente, all’altro? La risposta, fortunatamente, è positiva. A Gravina di Puglia, in provincia di Bari, una persona così era certamente Franca Zuccaro.
Andrea Dammacco
-
Giovedì 18 settembre 2014
IN TUTTO IL MONDO
Aperto oggi a Roma un seminario internazionale, promosso da Caritas Internationalis e Pontificio Consiglio per la famiglia, sul tema "La famiglia: una risorsa per superare la crisi". L'appello del cardinale Maradiaga: "Dobbiamo preoccuparci dei poveri a partire dalla famiglia". Per monsignor Paglia, "nessun Paese può ritenere di non avere forti fenomeni di povertà". Negli Usa ci sono 46,5 milioni di poveri (circa il 15% della popolazione). Il dramma delle famiglie cristiane irachene
Dalla povertà assoluta delle famiglie cristiane irachene che fuggono dalla persecuzione dell’Is (Stato islamico), alle famiglie africane abituate a conviverci a quelle americane che sperimentano la precarietà, il razzismo, l’emarginazione. Sono tante le storie e le esperienze raccontate oggi all’incontro internazionale.
Patrizia Caiffa
-
Giovedì 18 settembre 2014
ANNUNCIARE A TEATRO
Fra' Marco Finco, religioso cappuccino della provincia monastica lombarda, "prestato al teatro", direttore artistico del Centro culturale francescano artistico "Rosetum" di Milano, racconta la sua storia e, di converso, la sua missione: evangelizzare attraverso l'arte teatrale. Tutto cominciò a 25 anni, a Cesano Boscone, in un istituto per disabili gravi e gravissimi
Addosso ancora la barba finta e il saio fra’ Marco Finco. Il saio è anche l’abito di scena della sua opera “Da Bella Zia”, dove rappresenta padre Cecilio, portinaio del convento cappuccino di Milano e fondatore nel 1959 dell’Opera San Francesco. Padre Cecilio viveva “con un occhio alla porta per aprire a chi chiede e uno alla chiesa, per guardare a Gesù”.
Daniele Rocchi
-
Giovedì 18 settembre 2014
BELGIO, CATTOLICI DIVISI
Catherine Dopchie, oncologa, è responsabile di una unità ospedaliera di cure palliative in Belgio. Anche lei è cattolica come la collega Corinne Van Oost, autrice del libro ''Medico e cattolico, pratico l'eutanasia''. Ecco la sua posizione: ''La tentazione eutanasica esiste. A volte è intensa, violenta, oppressiva. Ma il rischio che prendiamo nel soccombervi è mortale. Non si può impunemente prendere il ruolo del creatore''
Il fronte pro-eutanasia in Belgio si apre anche ai cattolici. Fa discutere un libro scritto da Corinne Van Oost dal titolo: ''Medico e cattolico, pratico l'eutanasia''. Un libro confessione in cui la dottoressa belga - una vita passata ad alleviare il dolore dei malati terminali - spiega le ragioni che l'hanno portata a praticare l'eutanasia attiva che dal 2002 il Belgio consente.
Maria Chiara Biagioni
-
Regione
Ultimi servizi




Servizio per abbonati
Fatti e Pensieri
Dal 15 al 21 settembre 2014
ifeelcud
15/04/2014
Altri Media Cattolici
Avvenire
TV2000
Radio InBlu
Vatican.va
Chiesa Cattolica Italiana
FISC
inunaltromondo.it
Commento al Vangelo