Quotidiano

Conflitto Ucraina-Russia: la "buona notizia"
La storia di Kateryna: fuggita dalla guerra, ora aiuta i bambini profughi a Siena
La storia di Kateryna: fuggita dalla guerra, ora aiuta i bambini profughi a Siena

La storia di Kateryna è quella di un’accoglienza che si trasforma in un servizio per il prossimo. Arrivata con la sua bambina a Siena quattro giorni dopo lo scoppio della guerra, ha messo a disposizione la sua conoscenza della lingua italiana per aiutare chi, come lei, si è rivolto alla Caritas diocesana per ottenere un’abitazione. A raccontare la sua storia è il giornale Fisc “Toscana oggi”.

Monastero dei Paolini sequestrato dai russi
Parroco a Mariupol: “In città è un disastro”
Parroco a Mariupol: “In città è un disastro”

La struttura nella quale vivevano e prestavano servizio i padri paolini è stata sequestrata dai russi ed è diventata ora la sede della dell’amministrazione locale della cosiddetta Repubblica popolare di Donetsk. A dare la notizia padre Pavlo Tomaszewski, il parroco paolino della parrocchia di Nostra Signora di Czestochowa di Mariupol. “Vi confido che è molto difficile per il mio cuore. È difficile per me, perché – racconta – ci hanno tolto la chiesa, hanno fatto di tutto per farci andare via. E ora l’hanno disonorata. È molto, molto difficile da accettare”.

EUROPA
Sull’economia Ue pesa la guerra: l’incertezza regna sovrana

La Commissione europea ha reso note le sue previsioni per il 2022 e il 2023. L’invasione della Russia in Ucraina, oltre ai devastanti effetti umani e strutturali, rischia di mettere nuovamente in ginocchio i sistemi produttivi e commerciali dell’intero continente che a fatica cercavano di riprendersi dalle ricadute della pandemia. Italia: rallenta la ripresa, si spera nel Pnrr. Punti interrogativi su lavoro, redditi familiari, Pil e debito pubblico.

Canonizzazioni
Charles De Foucauld, innamorato di Cristo
Charles De Foucauld, innamorato di Cristo

Fratel Carlo è una figura che mi ha sempre affascinato per la sua risposta radicale all’amore di Dio. Era una persona santamente inquieta, mosso dal desiderio di imitare Gesù. La sua testimonianza così limpida è un invito a vivere da innamorati di Cristo. Si può amare Dio con i sintomi dell’innamoramento? I grandi santi dicono di sì. Noi possiamo amare perché siamo stati amati per primi da Dio. E l’amore di Dio per noi non è un amore qualunque: è un amore folle, da innamorato pazzo, appunto.

Madre Rubatto
La santa dei due mondi che anticipò la
La santa dei due mondi che anticipò la "Chiesa in uscita"

C’è anche una “santa dei due mondi” tra coloro che vengono canonizzati oggi in piazza san Pietro da Papa Francesco: madre Francesca Rubatto, al secolo Anna Maria Rubatto, nata a Carmagnola (Torino) nel 1844 e morta a Montevideo, capitale dell’Uruguay, nel 1904. In lei si fondono la “santità della carità” piemontese del diciannovesimo secolo e l’attenzione al popolo, e l’intensità tutta latinoamericana nella vicinanza ai poveri, ai malati, ai bambini.

Chiese in Italia
Cammino sinodale: a Roma il 2° incontro dei referenti diocesani

All’appuntamento partecipano 242 referenti (laici, presbiteri e diaconi, consacrate e consacrati) e 12 vescovi delegati dalle Conferenze episcopali regionali. “Nonostante la pandemia abbia rallentato, almeno nei mesi invernali, il percorso avviato in autunno, abbiamo ‘scaldato i motori’ e le nostre diocesi hanno vissuto il percorso con crescente entusiasmo; ne fanno fede i circa cinquantamila incontri sinodali, confluiti nelle duecento sintesi diocesane”, sottolinea mons. Erio Castellucci, arcivescovo abate di Modena-Nonantola e vescovo di Carpi, vicepresidente Cei e membro del Gruppo di coordinamento nazionale del Cammino sinodale.

Viaggio apostolico
Il Papa andrà in Canada dal 24 al 30 luglio
Il Papa andrà in Canada dal 24 al 30 luglio

“Accogliendo l’invito delle autorità civili ed ecclesiali e delle comunità indigene, il Santo Padre Francesco compirà un viaggio apostolico in Canada dal 24 al 30 luglio prossimo, visitando le città di Edmonton, Québec ed Iqaluit”. Lo annuncia il direttore della Sala stampa vaticana, Matteo Bruni, in una dichiarazione diffusa nel bollettino di oggi.

Ucraina
Parolin:
Parolin: "Obiettivo resta il cessate il fuoco"

L’obiettivo della Santa Sede resta “il cessate il fuoco”, perciò si lavora affinché si concludano quanto prima “le operazioni belliche” in Ucraina: lo ha chiarito il card. Pietro Parolin, segretario di Stato vaticano, rispondendo ai giornalisti sul conflitto e sulla prossima missione del segretario per i Rapporti con gli Stati, mons. Paul Richard Gallagher, che da mercoledì prossimo sarà a Kiev.

Yemen
Msf: "Tra le più gravi crisi umanitarie, ma mancano fondi"

Thomas Courbillon, capo missione di Medici senza frontiere in Yemen, descrive la situazione nello Yemen, uno dei conflitti più dimenticati che dura da 7 anni. Ad inizio aprile è scattata una tregua di due mesi e sono in corso negoziati ma la crisi umanitaria è gravissima. I due terzi della popolazione (20 milioni di persone) dipendono dagli aiuti, 3 milioni sono sfollati interni. Sanità, scuola ed economia in generale sono in condizioni disastrose ma mancano i fondi per i progetti di sviluppo.

Proteste
Russia: continua mobilitazione degli attivisti
Russia: continua mobilitazione degli attivisti

I siti internet e i canali social del dissenso continuano a raccontare la protesta silenziosa dei russi che non vogliono la guerra. “Dal 24 febbraio, i russi che non sono d’accordo con l’invasione dell’Ucraina hanno trascorso almeno 3,5 mila giorni in arresto”, hanno riferito gli avvocati che fanno riferimento a “Pervij Otdel” (Primo dipartimento).

Russia
Isavnin:
Isavnin: "Da Putin, forse, segnali di disponibilità al negoziato"

Il discorso di Putin nella Piazza Rossa rivela aspetti diversi da quelli che ci aspettavamo: non “la mobilitazione o nuove dichiarazioni di guerra, parole che facessero riferimento diretto all’uso di armi nucleari”, piuttosto “il discorso è stato in qualche modo più ‘pacifico’ di quanto ci si aspettasse”, dice al Sir il ricercatore presso la Free Moscow University.

Giappone
La missione diplomatica del premier Kishida per tessere la pace
La missione diplomatica del premier Kishida per tessere la pace

Si è conclusa il 5 maggio, con la visita nel Regno Unito ed i colloqui con Boris Johnson, la missione diplomatica del primo ministro w iniziata il 29 aprile, toccando sei Stati, tre del Sud-Est asiatico, Indonesia, Vietnam e Thailandia, e tre dell’Europa, Italia, Vaticano e Regno Unito. Come unico membro asiatico del G7, Kishida si era posto l’obiettivo di sollecitare una risposte più incisiva alla crisi Ucraina dai leader di quelle nazioni.

Kharkiv
La città bombardata che vive sotto terra nella metropolitana

Il racconto del direttore di Caritas-Spes di ritorno da una delle stazioni della metropolitana di Kharkiv. Una rete sotterranea di vagoni e tunnel dove si dorme, si cucina, si studia, e dove i bimbi – nonostante le bombe – continuano a nascere: “Quello che si avverte è un grande sentimento di incertezza sul futuro. Allo stesso tempo il fatto di prendersi la responsabilità l’uno dell’altro all’interno di queste piccole comunità, dà un senso per andare avanti”.

Moldova
Il consenso filo-russo comincia a fare rumore
Il consenso filo-russo comincia a fare rumore

Clima di timore e tensione a Chişinău e in tutta l’area sud al confine con l’Ucraina. Preoccupano i bombardamenti su Odessa, l’instabilità della Transnistria e soprattutto la vicinanza della data del 9 maggio, il Giorno della Vittoria sul nazismo, il V-day, che il presidente Putin sfrutterà per dimostrare alla Russia e al mondo la potenza militare del Paese.

Usa
Il dibattito sull'aborto infiamma il Paese
Il dibattito sull'aborto infiamma il Paese

Manifestazioni per le strade delle maggiori città statunitensi, comunicati ufficiali di politici e giuristi, dichiarazioni del presidente Joe Biden, rosari e picchetti attorno alla sede della Corte Suprema, raffica di commenti sui principali media e sui social. La pubblicazione della bozza di un parere del maggiore organo giudiziario del Paese sulla controversa questione dell’aborto ha infiammato l’America.

Affido
Martini: "Una Giornata per raccontare il bello dell'accoglienza"

Non mancano i nodi da sciogliere, a quasi 40 anni dalla prima legge sull’affido, come spiega il segretario del Tavolo nazionale: regioni e comuni che investono in servizi, risorse e operatori e altri che non ne hanno, una percentuale elevata di bambini sotto i due anni collocati in strutture, i problemi dei piccoli con disabilità, i percorsi di autonomia dei neo maggiorenni, gli affidi “tardo riparativi”.

Ucraina
Le luci spente di Leopoli
Le luci spente di Leopoli

Arrivata ieri a Leopoli, in Ucraina, la delegazione di Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs), guidata dal direttore Alessandro Monteduro. Una visita di solidarietà per verificare direttamente i bisogni delle diocesi, eparchie e esarcati ucraini. Subito dopo l’aggressione russa la Fondazione pontificia aveva stanziato 1,3 milioni di euro. Ora sta partendo una seconda fase di aiuto per un valore di circa 700 mila euro. Altri progetti sono in va di definizione.

Le ricadute del conflitto
Tassinari:
Tassinari: "Gli italiani sappiano essere sobri, coraggiosi e solidali"

“L’impatto è pesante, il minimo che ci può capitare è una ricaduta economica ma, se la guerra continua così, non credo che le conseguenze saranno limitate solo a quello”. Ne è convinto il vicepresidente delle Acli con delega al Lavoro e al Terzo settore che, analizzando per il Sir l’attuale fase, afferma: “Oggi le discussioni sono concentrate sul prezzo del gas e dell’energia ma la sensazione è che il peggio debba ancora venire”.

David di Donatello
“È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino miglior film e regia

Nella cerimonia condotta da Carlo Conti e Drusilla Foer dagli Studi di Cinecittà e in diretta su Rai Uno, se Sorrentino si è imposto su tutti, a dominare la serata è stato anche Gabriele Mainetti con la sua opera seconda “Freaks Out”: una pioggia di riconoscimenti tecnici e soprattutto il David per la miglior produzione. Spiace registrare la quasi totale assenza di “Tre piani” di Nanni Moretti. Il punto Cnvf-Sir.

Papa a Mosca
Pezzi:
Pezzi: "Per Francesco l’altro è sempre un fratello mai un nemico”

Mons. Pezzi, arcivescovo di Mosca e presidente dei vescovi russi, commenta al Sir il desiderio confidato da Papa Francesco oggi in una intervista al Corriere della Sera di andare a Mosca ad incontrare il presidente Putin: “Sappiamo benissimo che in tutti questi anni si è sempre detto che non c’erano le condizioni. Ma la situazione che si è venuta a creare in Ucraina scompagina radicalmente le carte in tavola”.

Instagram
Dalle Diocesi
Chiesa
Cultura
Politica & Società
Esteri

Approfondimenti

Commenti al Vangelo

Almanacco
ALMANACCO LITURGICO
La Messa del Giorno e la liturgia delle Ore di ChiesaCattolica.it
APP
Scarica l’app ufficiale della Liturgia delle Ore per Smartphone e Tablet
BIBBIAEdu

Accesso completo alle traduzioni CEI del 2008 e del 1974, alla Bibbia Interconfessionale, alla Nova Vulgata, all’Antico Testamento ebraico ed aramaico, che riproduce il Westminster Leningrad Codex, e al Nuovo Testamento greco, che presenta il Greek New Testament della Society of Biblical Literature.