Diocesi: Como, domani si apre il Sinodo

Domani, festa del Battesimo del Signore”, alle 15, l’intera Chiesa di Como è chiamata a vivere, in cattedrale, il solenne rito di apertura dell’XI Sinodo diocesano, sul tema: “Testimoni e annunciatori della misericordia di Dio”.
La celebrazione di apertura dell’XI Sinodo avrà alcuni momenti particolarmente significativi, spiega la diocesi: i sinodali, per esempio, saranno convocati nella chiesa di San Giacomo e questo radunarsi, dopo aver esaurito i passaggi tecnici (come la registrazione e le firme di presenza), per loro sarà già tempo di preghiera e preparazione. Insieme al vescovo Oscar Cantoni, poi, faranno ingresso processionalmente in duomo: “Un’occasione per testimoniare anche all’esterno il proprio esserci e l’impegno che ci si è assunti”, si legge in una nota. Al termine della celebrazione in cattedrale, i sinodali rientreranno processionalmente in San Giacomo con il vescovo e verrà loro consegnato l’Instrumentum Laboris, ovvero il testo che sarà alla base della discussione in plenaria. Per favorire il confronto assembleare è prevista la costituzione di una ventina di gruppi di studio su base territoriale – una sorta di circoli minori – che, riunendosi nelle settimane precedenti le plenarie (che si terranno una volta al mese per tutto il 2020), favoriranno l’approfondimento di quanto contenuto nelle proposizioni, in vista del confronto e delle votazioni in plenaria. “La discussione assembleare – spiega il segretario generale del Sinodo, don Stefano Cadenazzi – servirà a elaborare quelle risposte che poi verranno affidate al vescovo. È un tempo continuo di discernimento comunitario, insomma, in ascolto dello Spirito e di quanto vorrà suggerire per il cammino della Chiesa”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo

Informativa sulla Privacy