L’ultimo saluto a Willy Monteiro. “Non c’è amore più grande di questo: dare la vita per gli amici!”

Migliaia di persone raccolte dentro e fuori il campo sportivo di Paliano, tutte indossando una maglietta bianca, hanno dato l’ultimo saluto a Willy Monteiro, il ragazzo di 21 anni che, come detto da mons. Mauro Parmeggiani durante l’omelia del funerale, ha dovuto subire una “morte barbara” a calci e pugni per essere intervenuto in difesa di una persona finita in una rissa a Colleferro. “Perché la morte barbara ed ingiusta di Willy non cada nell’oblio impegniamoci tutti”, le parole del vescovo di Tivoli e di Palestrina rivolte ad istituzioni, forze dell’ordine, uomini e donne della politica, della scuola, dello sport e del tempo libero, Chiesa, famiglie e anche dei media, tutte figure ben rappresentate sul posto, a partire dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il ministro degli Interni Luciana Lamorgese, Nicola Zingaretti ma anche Bruno Conti dell’As Roma e molti altri.

Altri articoli in Italia

Italia

Informativa sulla Privacy