Giornalista uccisa: Roma, il 26 ottobre una messa in ricordo di Shireen Abu Akleh. I familiari da Papa Francesco

Familiari di Shireen Abu Akleh (Foto Sir)

Una messa commemorativa per Shireen Abu Akleh sarà celebrata a Roma, nella basilica di Santa Maria in Cosmedin (ore 17) per iniziativa del patriarcato greco melchita di Antiochia e dell’Alto Comitato presidenziale per gli Affari delle Chiese di Palestina. La messa sarà in rito Melchita officiata dall’archimedrita Chihade Abboud. Saranno presenti il fratello della vittima, con la moglie e le due figlie, che, secondo quanto appreso dal Sir, mercoledì mattina incontreranno Papa Francesco, al termine dell’udienza.
Previsto anche un incontro con il card. Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali. Abu Akleh, giornalista palestinese-americana di Al Jazeera, è stata uccisa, lo scorso 11 maggio, a Jenin, mentre seguiva, per lavoro, un’operazione dell’esercito israeliano. Nell’occasione era rimasto ferito anche un collega palestinese, Ali al Samoudi. I due indossavano giubbotti anti proiettile, con la scritta ‘Press’, ed elmetto protettivo. Agli inizi di settembre Israele, in una inchiesta, ha ammesso che “esiste un’alta possibilità” che la giornalista sia stata sia stata colpita accidentalmente da proiettili esplosi dall’esercito israeliano. Quest’ultimo aveva sempre smentito ogni coinvolgimento nel fatto.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy