America Latina: Centralidad de la Niñez, 900 borse di studio e un corso virtuale per “creare reti di solidarietà” e contro la violenza sui minori

Il programma latinoamericano Centralidad de la Niñez (Centralità dell’infanzia), collegato al Celam e ad altre organizzazioni ecclesiali e sociali, propone un corso rivolto a coloro che operano con i bambini e adolescenti, per formare tali operatori “come moltiplicatori di tenerezza e buon trattamento”. L’invito viene diffuso in questi giorni nei 22 Paesi dell’America Latina, nei Caraibi, negli Stati Uniti e in Canada, con l’obiettivo di “creare reti di solidarietà impegnate a promuovere la cultura della cura, protezione ed eliminazione di tutti i tipi di violenza contro i bambini e adolescenti principalmente in ambito scolastico, familiare ed ecclesiale. All’appello è collegata l’offerta di 900 borse di studio, che copriranno il 100% della spesa del corso, promosso da Centralidad de la Niñez, in sinergia, tra gli altri organismi, con il Centro biblico teologico pastorale per l’America Latina e i Caraibi (Cebitepal), con il supporto dell’agenzia tedesca Kindermissionwerk.
La formazione sarà totalmente virtuale, inizierà il 1° marzo e terminerà il 31 maggio, per un periodo complessivo di 90 giorni, con due incontri mensili via Zoom e tre moduli, “Principi di genitorialità con tenerezza”, “Protocolli di protezione, cultura del buon trattamento e diritti dei bambini”, “Formulazione di proposte socio-comunitarie a favore dei bambini”.
Una volta ricevuta la formazione on line, il partecipante avrà 180 giorni di calendario per sviluppare un laboratorio di sensibilizzazione nell’organizzazione, istituzione, parrocchia, scuola o comunità a cui è legato, con un minimo di 20 persone. Sia il partecipante sia l’organizzazione di riferimento entreranno a far parte del piano strategico continentale contro qualsiasi tipo di violenza sull’infanzia.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy