Festival biblico: dal 18 al 26 settembre “special 2020” sul tema del “Logos” a Padova e in altre realtà del territorio

Bloccato dal lockdown, convertito in proposte “extra” dopo la quarantena e durante l’estate, ora il Festival biblico torna con la versione “special 2020” e vede protagonista anche Padova e alcune realtà del territorio diocesano. Con questa edizione, così particolare, la diocesi patavina giunge all’ottavo anno di partecipazione a questo Festival regionale e diffuso che coinvolge varie diocesi del Veneto: a partire da Vicenza, capofila dalla prima edizione di 16 anni fa, per coinvolgere man mano Padova, Rovigo, Verona e Vittorio Veneto.
L’edizione special 2020 del Festival biblico a Padova è coordinata da don Roberto Ravazzolo e si articola sul tema “Logos. Parlare Pensare Agire”, che verrà sviluppato in tre giorni, dal 18 al 20 settembre, con alcune estensioni il 25 e 26 settembre. “Sotto il grande cappello semantico di Logos – spiegano gli organizzatori – i tre verbi intercettano le modalità di apertura dell’uomo in relazione con l’altro e con il mondo”. Il tema verrà sviluppato dal punto di vista biblico, filosofico, culturale, politico-sociale.
La maggior parte degli eventi – mostre, musica, incontri, conversazioni e letture bibliche, danza, esperienze sensoriali – si svolgerà a Padova, ma non mancano appuntamenti nel territorio, in particolare a Candiana, Cittadella, Fiesso d’Artico e Monselice. Il programma, in totale 18 appuntamenti, prende il via venerdì 18 settembre, alle 17, nella sala dei Teatini (chiesa di San Gaetano) con il vernissage della mostra di pittura “I colori delle parole” e a seguire “I sensi della parola”. Alle 20.30, in basilica cattedrale, uno degli eventi di punta di questa edizione: lo spettacolo “Indagine su Giobbe”. Gli incontri sono gratuiti ma è necessaria la prenotazione attraverso la piattaforma eventbrite o tramite il sito www.festivalbiblico.it.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori

Informativa sulla Privacy