Cottolengo: Manziana, una nuova professione perpetua al monastero Sacro Cuore

Domenica 18 ottobre, alle 15.30, nella cappella del monastero Sacro Cuore di Manziana (Roma) suor Elisabetta della Divina Provvidenza emetterà la professione perpetua nelle mani della madre generale della Congregazione delle suore del Cottolengo, suor Elda Pezzuto, durante la celebrazione eucaristica presieduta dal padre generale della Piccola Casa, don Carmine Arice.
Laureata in Chimica, Elisabetta ha lavorato per alcuni anni nell’ambito della ricerca. L’incontro con Gesù ha ridisegnato la mappa della sua vita, facendole scoprire la bellezza della vita di preghiera e di intimità con il Signore nel silenzio della clausura. La Provvidenza le ha fatto conoscere il monastero Sacro Cuore di Manziana, dove è entrata nel 2012. Dopo il periodo di formazione, domenica 18 ottobre, pronuncerà il “Sì per sempre al Signore” con cui entrerà a far parte definitivamente della Famiglia Cottolenghina Contemplativa e della sua comunità. “Sì è una parola piccola – scrive suor Elisabetta – che però manifesta una decisione grande, di consegna di tutta la propria vita e di tutto il proprio essere al Signore. La professione perpetua è il mio ‘Sì totale’ alla vita che ho incontrato: sono passata dalla ricerca in laboratorio alla ricerca appassionata del volto di Dio, per poterlo contemplare nella Parola, nella preghiera personale e liturgica, nella quotidianità della vita fraterna. È il mio ‘Sì per sempre’ all’accoglienza del dono della vocazione e del lavoro della grazia nel mio cuore. Ma è anche il ‘Sì rinnovato ogni giorno’ con stupore e gratitudine per la bontà provvidente e la misericordia del Signore”. Nel rispetto delle normative anti-Covid l’accesso alla cappella è consentito fino all’esaurimento del numero limitato di posti disponibili per cui la celebrazione sarà trasmessa in diretta streaming sul sito.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy