Papa in Mozambico: messa allo stadio di Zimpeto, “avete tanti motivi per sperare, conservate la speranza!”

“Al termine della mia visita, vorrei dire grazie a tutte le persone e le realtà che hanno collaborato per la sua realizzazione; a cominciare da questa Arcidiocesi di Maputo e dal suo Pastore, Monsignor Francisco Chimoio, che ringrazio per la fraterna ospitalità e anche per il gioioso saluto che mi ha appena rivolto a nome dei fratelli Vescovi e di tutto il popolo di Dio”. È il ringraziamento del Papa, al termine della messa allo stadio di Zimpeto, ultimo appuntamento pubblico della prima tappa del suo viaggio in Africa. “Una parola di particolare gratitudine va al Signor Presidente Filipe Nyusi per la sua premurosa attenzione, sia a livello personale, sia attraverso le varie istituzioni governative e le forze di sicurezza della nazione”, ha proseguito Francesco: “Ringrazio per il lavoro sacrificato e silenzioso dei membri del comitato organizzatore e di tanti volontari. Sono grato ai giornalisti e a tutta la brava gente che è uscita di casa per salutarmi”. Alla fine, il Santo Padre si è rivolto direttamente ai 60mila fedeli che hanno gremito l’area per partecipare alla celebrazione eucaristica: “Sorelle e fratelli mozambicani, so che avete dovuto fare dei sacrifici per partecipare alle celebrazioni e agli incontri. So che vi siete bagnati con la pioggia, ma mi auguro che sia acqua benedetta. Lo apprezzo e vi ringrazio di cuore. E sono grato anche a quanti non hanno potuto farlo per le conseguenze dei recenti cicloni: cari fratelli, ho sentito ugualmente il vostro sostegno! E dico a tutti: avete tanti motivi per sperare! L’ho visto e l’ho toccato con mano in questi giorni. Per favore, conservate la speranza; non lasciatevela rubare! E non c’è modo migliore per conservare la speranza che quello di rimanere uniti, affinché tutti i motivi che la sostengono si rafforzino sempre più in un futuro di riconciliazione e di pace in Mozambico”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa