Papa in Mozambico: il programma della seconda giornata

La seconda giornata in Mozambico, prima tappa del suo 31° viaggio internazionale che per la quarta volta dall’inizio del pontificato ha come destinazione l’Africa, comincia di buon’ora. Alle 7.30 di questa mattina, infatti, Francesco si è congedato dalla nunziatura apostolica per trasferirsi all’ospedale di Zimpeto, distante 19 chilometri, nella zona periferica della capitale Maputo. Inaugurato il 7 giugno 2018, alla presenza del capo dello Stato, Filipe Jacinto Nyusi, e dall’allora nunzio apostolico in Mozambico, mons. Egar Peña Parra, la struttura occupa una superficie di oltre 1.300 metri quadrati ed accoglie un laboratorio di Biologia molecolare di alta specializzazione, oltre a garantire lo screening per la diagnosi al tumore del collo dell’utero. Oltre 2mila i pazienti assistiti. In particolare, il nosocomio ospita un centro Dream per le persone affette da Aids/Hiv, che nel Paese sono circa 11 milioni. Dream (Disease Relief through Excellent and Advanced Means), è un programma avviato nel 2002 dalla Comunità di Sant’Egidio per favorire il diritto alla salute e la lotta all’Aids e alla malnutrizione in Africa. Basato su un approccio innovativo, ovvero su piccoli centri sanitari diffusi nelle città e nei villaggi, il progetto mira a facilitare l’accesso alle cure a tutti, anche a chi ha più difficoltà economiche e di trasporto, garantendo assistenza gratuita e offrendo corsi di educazione sanitaria ai pazienti stessi. Il Papa sarà accolto proprio dal fondatore della Comunità di Sant’Egidio, Andrea Riccardi, pronuncerà un saluto e al termine saluterà 20 malati e visiterà in forma privata due dei reparti del Centro. Alle 9.20 è in programma il trasferimento allo Stadio Zimpeto, distante circa 4 chilometri, per la Messa che alle ore 10 il Santo Padre presiederà in portoghese. Lo stadio nazionale Zimpeto è situato nell’omonimo e molto popoloso quartiere periferico di Maputo. Costruito in occasione della X edizione dei Giochi Panafricani del settembre 2011, ospita le competizioni sia di calcio che di atletica leggera e può ospitare 42mila spettatori.  Dopo la Messa, il trasferimento all’aeroporto di Maputo, per la cerimonia di congedo dal Mozambico, in programma alle 12.25.  L’arrivo ad Antananarivo, capitale del Madagascar, seconda tappa del viaggio africano, è previsto alle 16.30 (le 15.30, ora di Roma). Poi la cerimonia di benvenuto e alle 16.50 (15.50) il trasferimento alla nunziatura apostolica, dove arriverà alle 17.30 per la cena in privato.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa