Agricoltura: Coldiretti, “via libera alla vespa samurai contro le cimici”

“Per fermare l’invasione della cimice asiatica che ha causato la strage dei raccolti arriva il via libera alla diffusione della vespa samurai, nemica naturale dell’insetto che sta devastando meli, peri, kiwi, ma anche peschi, ciliegi, albicocchi e piante da vivai con danni stimati per ora in circa 250 milioni di euro alle produzioni ed un pesante impatto occupazionale”. Lo rende noto il presidente della Coldiretti, Ettore Prandini, dal Solone del Biologico di Bologna, annunciando l’entrata in vigore con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del dpr 102 del 5 luglio 2019 che introduce le norme necessarie a prevedere i criteri per l’immissione sul territorio di specie e di popolazioni non autoctone per contrastare la diffusione dei gravi attacchi che insetti come la cimice stanno provocando alle produzioni. Il presidente Prandini ha chiesto anche un incontro urgente al ministro dell’Ambiente Sergio Costa che, sentiti il ministero delle Politiche agricole alimentari e forestali e il ministero della Salute, dovrà autorizzare l’immissione in natura delle vespe su richiesta delle regioni. “La situazione è drammatica – denuncia Coldiretti -, soprattutto al nord. Nel solo Veneto i danni alle produzioni di mele, pere, pesche e kiwi hanno raggiunto la cifra di 100 milioni di euro, di cui quasi 80 nella sola provincia di Verona, ma situazioni drammatiche si registrano un po’ ovunque, dal Friuli Venezia Giulia, dove in alcune zone è andato perso addirittura il 100% del raccolto di pere e mele, al Piemonte, con la provincia di Alessandria tra le più colpite”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa