Società: Mcl, al via domani a Senigallia il Seminario nazionale di studi e formazione su “I corpi intermedi e la sfida al populismo e alla tecnocrazia”

Prende il via domani a Senigallia il tradizionale Seminario nazionale di studi e formazione che il Movimento cristiano lavoratori (Mcl) organizza come ogni anno, alla ripresa delle attività dopo la pausa estiva: il dibattito, cui parteciperanno circa cinquecento dirigenti provenienti da tutte le regioni italiane, quest’anno avrà al centro il tema: “I corpi intermedi e la sfida al populismo e alla tecnocrazia”.
“Un appuntamento che, quest’anno in particolar modo, cade in momento di grande fermento per la vita politica del Paese, collocandosi al termine di un’estate di polemiche roventi che hanno agitato la politica praticamente su tutto – dagli immigrati all’Ue, dalla crisi economica e valoriale fino alla mancanza di lavoro e alla crisi della rappresentanza”, sottolinea in una nota Mcl.
In questo contesto “è evidente che occorre ripartire dalla valorizzazione dei corpi intermedi, centrali per garantire democrazia, trasparenza, qualità della rappresentanza contro le tendenze neo-plebiscitarie che aleggiano nel nostro Paese”, ha spiegato il presidente di Mcl, Carlo Costalli, presentando l’iniziativa: “In Italia, c’è una grande voglia di cambiamento che siamo chiamati ad incanalare bene, positivamente, per ricostruire l’intera società”.
I lavori saranno preceduti, oggi pomeriggio, da una sessione interamente dedicata ai giovani, ma si apriranno ufficialmente domani mattina con il saluto di mons. Franco Manenti, vescovo di Senigallia, e proseguiranno con l’introduzione al tema del Seminario da parte del presidente di Mcl, Carlo Costalli, cui seguirà l’intervento del futuro cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo metropolita di Bologna. Nel pomeriggio si aprirà la prima sessione sul tema “Corpi intermedi e rappresentanza, una storia di democrazia”, moderata da Giovanni Gut, vicepresidente nazionale di Mcl, con gli interventi di Mario Taccolini, prorettore, ordinario di Storia economica, membro del Centro di Ateneo per la Dottrina sociale della Chiesa dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, e di Giovanni Maddalena, associato di Storia della filosofia dell’Università del Molise.
Sabato mattina si aprirà la seconda sessione sul tema: “Oltre il populismo e la tecnocrazia: la presenza pubblica dei cattolici” introdotta dal presidente Costalli e con gli interventi di Severino Nappi, ordinario di Diritto del lavoro, e dell’europarlamentare Massimiliano Salini. La terza sessione, nel pomeriggio di sabato, sul tema “Educare al bene comune”, vedrà gli interventi di Paolo Cesana, direttore della Fondazione Luigi Clerici, di Emmanuele Massagli, presidente Adapt, e di Carlina Valle, vicepresidente nazionale di Mcl.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy