Papa in Mozambico: incontro interreligioso con i giovani, “non escludete i vostri anziani e proteggete la casa comune”

“Non escludete i vostri anziani”. Anche da Maputo, dialogando con i giovani durante l’incontro interreligioso, il Papa è tornato su uno dei temi a lui più cari: il legame tra le generazioni. “Anche i vostri anziani possono aiutare affinché i vostri sogni e le vostre aspirazioni non inaridiscano, non siano spazzati via dal primo vento di difficoltà o di impotenza”, ha assicurato Francesco: “Gli anziani sono le nostre radici. Le generazioni precedenti hanno molto da dirvi, da proporvi”, come antidoto alle “ideologie di diversi colori”. Anche ai giovani, come nel primo discorso alle autorità, il Papa ha chiesto di essere costruttori di pace: “un processo che anche voi siete chiamati a portare avanti, stendendo sempre le vostre mani soprattutto a coloro che passano momenti difficili”, ha aggiunto facendo “il gesto della mano tesa” ed esortando i giovani a ripeterlo insieme a lui. Altra sfida da raccogliere, ha detto il Papa citando ancora una volta i due cicloni che hanno devastato il Paese, è quella di “impegnarci nella cura della nostra Casa Comune”: “Indubbiamente siete stati benedetti con stupende bellezze naturali: foreste e fiumi, vallate e montagne e tante belle spiagge. Purtroppo, qualche mese fa avete subito la furia di due cicloni, avete visto le conseguenze dello sfacelo ecologico in cui viviamo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia

Informativa sulla Privacy