Parlamento Ue: audizioni nuovi eurocommissari. Oggi “esami” per Sefcovic, Gabriel e Hogan. Due designati giudicati “inidonei”

(Bruxelles) Con l’audizione del commissario designato ai rapporti interistituzionali, Maros Sefcovic (nella foto), hanno preso avvio oggi pomeriggio gli “esami” cui saranno sottoposti i 26 futuri commissari. Occorre tener presente che per la presidente Ursula von der Leyen non è prevista l’audizione (la presidente ha già avuto il voto di fiducia dell’Assemblea Ue), mentre il Regno Unito ha rinunciato ad avere il commissario dato che il 31 ottobre è fissata la data del Brexit (la nuova Commissione dovrebbe entrare in carica il 1° novembre). In serata sono fissate altre due audizioni: quella di Mariya Gabriel, con portafoglio innovazione e gioventù, e Phil Hogan, indicato al commercio. Nel frattempo la presidente Von der Leyen deve risolvere il problema dei candidati romeno (Rovana Plumb, portafoglio trasporti) e ungherese Laszlo Trocsanyi (allargamento), giudicati dalla commissione giuridica del Parlamento Ue inidonei ad esercitare le proprie funzioni “conformemente ai trattati e al codice di condotta”. Il presidente David Sassoli ha comunicato oggi stesso con lettera scritta il problema alla Von der Leyen, che potrebbe chiedere ai governi dei due Paesi membri di indicare altri nomi. Sassoli ha sottolineato che la commissione giuridica ha considerato non idonei i commissari designati Trocsanyi e Plumb “sulla base di conflitti interesse rilevati nel corso dell’esame delle loro dichiarazioni di interessi finanziari”. Il presidente dell’Europarlamento ha dunque “sospeso le audizioni concernenti i due commissari e invitato la presidente Von der Leyen ad adottare tutte le misure per completare l’iter di formazione della nuova Commissione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa