Diocesi: mons. Oliva (Locri-Gerace), “lasciamoci coinvolgere nella storia e nelle vicende della nostra gente”

Mons. Francesco Oliva

“Lasciamoci coinvolgere nella storia e nelle vicende della nostra gente. Condividiamone le lotte e l’anelito a liberarsi da storie passate, dal malaffare, da tutte le ferite che l’hanno insanguinata e ne condizionano la vita”. Lo ha scritto mons. Francesco Oliva, vescovo di Locri-Gerace, nel messaggio “Ritorniamo ad Emmaus”, rivolto a tutta la comunità diocesana. “Mettiamoci in cammino, senza restare ai margini, comodamente sui nostri divani, sulle sicurezze del già sperimentato in un momento in cui tutto è cambiato”, ha scritto il presule. “Superiamo ogni forma d’indifferenza e d’inerzia. Non poniamo ostacoli all’azione dello Spirito”. Per mons. Oliva, occorre “andare verso la città degli uomini, ove si vivono gli affetti più belli, il lavoro e la festa, la fragilità umana, la tradizione e la cittadinanza”. Infatti, “l’annuncio del Van­gelo è credibile, se la nostra vita è unita a quella del fratello ferito, se si trasforma in testimonianza di carità. Vangelo sono i poveri, gli ultimi, cercati ed amati dal Signore”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa