Diocesi: mons. Gianotti (Crema), “il 19 ottobre padre Cremonesi proclamato beato. A febbraio 2020 andremo in pellegrinaggio in Myanmar”

La diocesi di Crema si prepara a festeggiare la beatificazione di padre Alfredo Cremonesi, in programma sabato 19 ottobre, alle 15.30, nella cattedrale di Crema. “Una data non casuale – spiega il vescovo Daniele Gianotti – in quanto vigilia della Giornata missionaria mondiale e, in più, nel contesto del Mese missionario straordinario indetto dal Santo Padre nel centenario delle Pontificie opere missionarie. Quella di p. Cremonesi, tra l’altro, sarà l’unica beatificazione di un missionario in questo mese straordinario: un evento, quindi, che abbraccia tutta la Chiesa”. A presiedere la messa di beatificazione sarà il card. Becciu, prefetto della Congregazione per le cause dei santi; al suo fianco ci saranno mons. Gianotti, il vescovo di Taungngu (la diocesi dove ha operato p. Cremonesi) mons. Danu, i vescovi lombardi e quelli di origini cremasche, il clero birmano e lo studentato del Pime di Monza, l’istituto di cui fa parte p. Cremonesi. “Nella messa – spiega mons. Gianotti – ci saranno i riti propri della beatificazione, con anche la presentazione delle reliquie del missionario martire e la lettura della lettera apostolica del Papa”. Per consentire a quante più persone possibile di partecipare alla celebrazione, la messa sarà trasmessa anche su maxischermo nella chiesa-auditorium di San Bernardino. Lo stesso 19 ottobre, il card. Becciu e i vescovi “seguiranno” un itinerario lungo i luoghi significativi della vita di p. Cremonesi: il cimitero di Montodine dove sono sepolti i suoi genitori Enrico e Maria Rosa, Ripalta Guerina dove è nato il 16 maggio 1902 (qui è previsto anche un incontro in chiesa con la comunità), San Michele dove ha celebrato la prima messa nel 1924 e, infine, il santuario cittadino della Madonna delle Grazie dove ha celebrato l’ultima messa cremasca prima della partenza, nel 1925, per la missione. Domenica 20 ottobre, alle 15.30, in piazza a Ripalta Guerina si terrà la messa di ringraziamento. Cremonesi venne ucciso “in odio alla fede”, con un colpo di pistola in volto il 7 febbraio 1953 nel villaggio di Donoku, nell’allora Birmania (oggi Myanmar). Ed è proprio in Myanmar, nei luoghi in cui operò p. Cremonesi, che la diocesi di Crema si recherà in pellegrinaggio a febbraio 2020. In quell’occasione una messa sarà celebrata nel luogo del suo martirio.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa